Up & Down #456. E che nessuno si offenda.

259

Non teme le rivoluzioni la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Ci risiamo. Le accuse a Marilyn Manson non si arrestano. “Former Assistant Claims Shock Rocker Threatened Her, Bragged Of Raping Women”. 

* Omar Rodríguez-López Unloads Massive 62 Album Back Catalogue Including 36 LPs New to Streaming”. Maddai zi, ma perchè, basta.

* D’altri tempi il titolo su Lasicilia.it che ricorda Franco Battiato: “Franco Battiato, si è spento il gigante del rock progressivo”.

* Meglio fa Rockol.it nell’anniversario della scomparsa di Chris Cornell. Nel 2021 titoli illuminanti e altissimi: “Chris Cornell aveva la più bella voce del rock?”.

* Su Corriere.it dichiarazioni che fanno male al cuore. Nel 2021 qualcuno deve ancora sapere che: “Eurovision, i Maneskin tra i favoriti: «Ci fa piacere se scoprono che esiste il rock anche in Italia»”. Pionieri assoluti.

* Ma forse hanno pure ragione sti ragazzetti de borgata perchè ci meritiamo ancora roba come questa: “Il duetto che non ti aspetti: Clementino e Nina Zilli ci portano ai Tropici con Señorita”. Il paese musicalmente terzomondista si ciba ancora a piene mani di senorite, margarite, vide loche, tequile, nochi calienti, pupe, cube… squallore e trucidume che sembra non avere mai fine. POVERA PATRIA.

* Da quando l’Eurovision Song Contest è diventato così importante, nodale, fondamentale per le sorti dell’Italia tutta? Fino a ieri non era mai stato cagato da nessuno. Uno spettacolo da quarto mondo musicale, specchio di un’Europa kitsch, ridicola, arretrata (ancorata tra anni ’80 e ’90), banale a dir poco folkloristica. Evviva i Maneskin, certo, ma pensare che tale kermesse (trasmessa dalla RAI ammiraglia) sia stata pagata anche con i soldi nostri fa venire da vomitare. Come i commenti sulla stampa estera post-vittoria. I vincitori in questo calderone mostruoso escono infatti come metallari. Il minimo. E poi c’è la polemica della presunta sniffata in diretta di Damiano. Un complotto ordito dai franzosi, dai francofoni tutti, poi rivelatosi una fake news visto che il cantante stava raccogliendo i cocci di un bicchiere rotto…!

[UP]

+ Mario Pavone.

+ Johnny Ashcroft.

+ Yoshi Wada.

+ Roger Hawkins (Muscle Shoals Rhythm Section also known as the Swampers).

“Our hearts are breaking today as the heartbeat of “The Swampers” drummer Roger Hawkins passed away this afternoon at his home in Sheffield. He was 75. Jerry Wexler called Roger, “the greatest drummer of all time”. Roger was a kind and generous man who loved family, friends and his fellow musicians. Arrangements will be announced soon. We love you Roger. Rest in Peace and watch over us as we are all better for having known you. We will think of you as we listen to your many hits including, “Respect Yourself”, “Mustang Sally”, “When A Man Loves A Woman”, “Chain of Fools”, “I’ll Take You There” and so many more.

+ Steve “Thee Slayer Hippy” Hanford (Poison Idea).

+ Nicolas Ker (Poni Hoax).

“C’est avec une immense tristesse que nous vous annonçons le décès de notre ami Nicolas Ker. Laurent, Arnaud, Nicolas et Vincent”.

+ Franco Battiato.

* Gli 80 anni di Bob Dylan.

* I 75 anni di Cher.

* La mostra alla Wentworth Galleries (South Florida) di Rick Allen (batterista dei Def Leppard) rinomato visual artist…

* La vita di Freddie Mercury viene per la prima volta raccontata in una graphic novel. Ecco a voi “Freddie Mercury: Lover of Life, Singer of Songs”.

https://twitter.com/freddie_mercury/status/1395756516397957123?s=20

* A tre anni dalla prematura scomparsa, Avicii viene omaggiato a Stoccolma in maniera solenne, visto che la Ericsson Globe diventa Avicii Arena. Per celebrare l’evento la Royal Stockholm Philharmonic Orchestra esegue ‘For A Better Day’ con la voce della 14enne Ella Tiritiello.

* Ai Billboard Music Awards, andati in scena al Microsoft Theater di Los Angeles , grande protagonista The Weeknd che fa incetta di premi conquistandone ben 10! Siparietto tenero con Drake, premiato con l’Artist Of The Decade award, che porta sul palco il figlio Adonis.

https://twitter.com/BBMAs/status/1396650163972698113?s=20

* Warren Ellis e il suo primo libro…

* Dopo Queen, Elton John e David Bowie anche The Who verranno celebrati con una moneta nella serie The Royal Mint ‘Music Legends’. Roger Daltrey: “It’s an honour to have a coin produced to celebrate The Who’s musical legacy. The coin’s design captures the true essence of the band and what we represent. It was a fantastic moment being able to strike one of the very first pieces in the collection and see the range of technologies and processes involved in the making of the coin”.

* Ad un anno dalla premiere al Sundance il mockumentary “The Nowhere Inn” viene presentato col primo trailer. “From real-life friends Annie Clark (a.k.a. GRAMMY award-winning recording and touring artist St. Vincent) and Carrie Brownstein (Portlandia, Sleater-Kinney) comes the metafictional account of two creative forces banding together to make a documentary about St. Vincent’s music, touring life, and on-stage persona. But they quickly discover unpredictable forces lurking within subject and filmmaker that threaten to derail the friendship, the project, and the duo’s creative lives”.

* La cosa più bella della settimana. Sharon Van Etten & Angel Olsen insieme.

* L’anno più importante e rivoluzionario di sempre. “1971: The Year That Music Changed Everything” arriva su Apple TV. Una docuserie in 8 puntate assolutamente imperdibili. “In a tumultuous era, 1971 would be a year of musical innovation and rebirth. Fueled by the political and cultural upheaval of the time, fresh talent exploded onto the scene, stars reached new heights, and boundaries expanded like never before”.

* Ancora Morrissey su queste pagine. Dopo i DOWN consecutivi delle ultime settimane, il nostro beniamino ritorna suo malgrado in rosso, grazie ad una splendida opera in mosaico apparsa da qualche parte chissà dove…