Peter Green – RIP

457

Peter Allen Greenbaum è morto all’età di 73 anni. Un gigante assoluto. Uno dei più grandi chitarristi di sempre, secondo (forse) solo a Jimi Hendrix, scrive a caratteri cubitali il suo nome nella storia della musica non solo alla voce “british blues” e Fleetwood Mac. Nel 1966 fa parte dei Peter B’s Looners (con il futuro Camel Peter Bardens) che presto evolveranno negli Shotgun Express con un giovanissimo Rod Stewart alla voce. Un’epopea senza precedenti. Qualche mese dopo Green sostituisce Eric Clapton nei John Mayall’s Bluesbreakers, un solo album e la fondazione dei Fleetwood Mac assieme a Mick Fleetwood. Una storia unica, un sound totale che mette in luce e lancia nello stardom un fuoriclasse impressionante come il 21enne di Bethnal Green. Come spesso accade in questi casi di genialità totale, anche Peter Green ha vissuto momenti di estrema fragilità, situazioni borderline, stati emozionali precari, demoni personali. Nel 1970 lascia i Fleetwood Mac e gli effetti devastanti dell’LSD si fanno sentire velocemente su una personalità già minata all’interno come quella di Green. Un album solista e una breve reunion con i Mac sono il preludio a sei anni di “problemi”. “Green was eventually diagnosed with schizophrenia and spent time in psychiatric hospitals undergoing electroconvulsive therapy during the mid-1970s”. Dopo aver subito anche un arresto nel 1977 (“for threatening his accountant David Simmons with a shotgun…”) nel 1979 riemerge miracolosamente con l’album ‘In The Skies’. Nei primi anni ’90 poi lo ritroviamo alla guida dello Splinter Group (nove album tra il 1997 e il 2004) e nel 2009 è ancora in tour come Peter Green and Friends. Influente, seminale, fondamentale. Peter Green è spirato nel sonno.

View this post on Instagram

Then play on.

A post shared by Hiss Golden Messenger (@hissgoldenmessenger) on

Mick FleetwoodFor me, and every past and present member of Fleetwood Mac, losing Peter Green is monumental. Peter was the man who started the band Fleetwood Mac along with myself, John McVie, and Jeremy Spencer. No one has ever stepped into the ranks of Fleetwood Mac without a reverence for Peter Green and his talent, and to the fact that music should shine bright and always be delivered with uncompromising passion!!!

https://twitter.com/doctorloz/status/1287297470918275072?s=20