NOS Primavera Sound 2022.

249

Anche il NOS Primavera Sound Porto guarda al prossimo anno, l’anno in cui si recupererà il tempo perduto. Una settimana dopo aver svelato la line-up del Primavera Sound Barcellona – Sant Adrià 2022, l’edizione portoghese del festival annuncia la line-up con cui celebrerà il suo nono anniversario dal 9 all’11 giugno 2022, con i Tame Impala e la loro psichedelia multicolore, i Gorillaz di Damon Albarn, Nick Cave and the Bad Seeds per un nuovo appuntamento con l’eternità, l’icona Beck, i risorti Pavement, Little Simz come nuovo punto di riferimento del rap britannico, la sempre irrequieta Kim Gordon e King Krule che ulula nel buio. Sono già 61 gli artisti con il marchio 100% Primavera Sound che ci accompagneranno nel tanto atteso ritorno al Parque da Cidade.

Al di là dell’entusiasmo che accompagna tutti i rituali che circondano un festival, il NOS Primavera Sound Porto sarà una celebrazione della musica contemporanea in tutta la sua gamma, con una line-up audace, eclettica e trasversale che parla lingue e suoni diversi in molteplici modi. Dal soul attivista di Jamila Woods all’inesauribile post-hardcore dei Jawbox, dal rilassante flamenco di María José Llergo all’hip hop mutante di Earl Sweatshirt, dal funk nomade dei Khruangbin all’house globale di Black Coffee, il ritorno a Porto servirà non solo per recuperare il tempo perduto, ma anche per vivere il presente e cominciare a immaginare il futuro.

FROM GENERATION TO GENERATION

A partire dagli Shellac, la cui presenza in una line-up del Primavera Sound non è negoziabile in nessuna parte del mondo, la prossima edizione del NOS Primavera Sound Porto sarà un viaggio intergenerazionale per capire il DNA del festival. Il percorso è stato segnato dalla filosofia di progetti instancabile come Dinosaur Jr, gli Slowdive felicemente riuniti e  gli OM di Al Cisneros degli Sleep, che passeranno per Porto per affermare che ci sono ancora brillanti capitoli da scrivere nella loro storia. Saranno sostenuti da futuri classici come il trovatore Helado Negro, i riff solari di Beach Bunny e Rolling Blackouts Coastal Fever, DIIV con il loro destreggiarsi tra rumore e melodia, l’intensità di Jehnny Beth, il camaleontico Mura Masa, il dream-pop degli Penelope Isles e gli inni da cantare con il pugno in aria deiPile.

HERE AND NOW

Nonostante il collegamento diretto con le due edizioni del festival che non abbiamo potuto vivere, la forza della line-up è perfettamente assicurata grazie ad alcuni artisti a cui dobbiamo diversi dei migliori album del 2021. C. Tangana debutterà nel Parque da Cidade incoronato come l’idolo della canzone spagnola, Japanese Breakfast tirerà a lucido la sua versione più pop, i Dry Cleaning dimostreranno che il post-punk ha ancora delle sorprese nella manica, Paloma Mami mostrerà il suo talento nel creare hit personali e Derby Motoreta’s Burrito Kachimba e Black Midi faranno scintille con il loro personale rock rispettivamente da Siviglia e Londra.

POP UNIVERSE

Ma… cos’è il pop? Dove ci posizioniamo in merito? Che tu intenda il pop in un modo o in un altro, in modo più classico o più avanzato, come uno spazio sicuro o come un labirinto pieno di trappole da cui non vuoi uscire, al NOS Primavera Sound Porto 2022 troverai la definizione che più ti si addice. Il sound misterioso di Sky Ferreira non è lo stesso dei 100 gec e delle loro capsule del futuro, ma i due progetti hanno un punto d’incontro: saranno al Parque da Cidade. Insieme a Caroline Polachek che trasforma in oro tutto ciò che canta, l’artista britannica-giapponese Rina Sawayama e la sua perfetta fabbrica di cori, la ragazza d’oro Amaia e Bad Gyal, nel pieno della sua conquista del mondo dopo l’uscita di Warm Up.

A LINE-UP WITH LOCAL HEAVYWEIGHT

Anche se tutto sembra nuovo dopo due anni senza festival, ci sono cose che non cambiano perché non c’è motivo che cambino: come negli anni precedenti, anche nel 2022 si parlerà portoghese sui palchi del festival con visita sull’altra sponda dell’Atlantico con Arnaldo Antunes, storia vivente della musica brasiliana, e rappresentanti della scena portoghese tra cui Pedro Mafama e il suo nuovo folklore, gli agitatori Throes + The Shine, Montanhas Azuis e il loro canzoniere galleggiante, Holy Nothing col loro groove contagioso, la magnetica Rita Vian e David Bruno e il suo romanticismo a prova di bomba. Talenti locali che si completano con eroi della scena clubbing portoghese come Nídia, DJ Firmeza, Mvria e Arrogance Arrogance: tante ragioni per continuare a credere nella musica con accento portoghese.

CLUB OF CLUB

Non importa che tipo di festa abbiate in mente: potrete realizzarla nel Parque da Cidade grazie a un programma che mette in evidenza la musica dance in tutti i suoi aspetti. L’impeccabile Avalon Emerson, il mago britannico Joy Orbison, la scintillante techno di Aurora Halal, l’imprevedibile back to back offerto da Octo Octa ed Eris Drew, il debutto a sei mani di Florentino, Kelman Duran e DJ Python come New Blood, la conoscenza infinita di DJ Marcelle, Sherelle e le sue session a tutta velocità, i ritmi panafricani di Mina & Bryte, l’incarnazione in Special Request di Paul Woolford e D. Tiffany: i loro set trasformeranno il festival in un club su club in cui, ovviamente, ci sarà spazio anche per proposte che guardano alla pista da ballo da una prospettiva pop come Pabllo Vittar e Georgia.