Up & Down #92

607

Non teme l’odore della braciola la rubrica più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* Inevitabile. Mandare praticamente tutto in “down” il Concertone del 1 maggio come sempre confinato in Piazza San Giovanni a Roma. Dal primo pomeriggio fino a tarda sera si sono avvicendati con un ritmo da avanspettacolo (grazie ai tempi perfetti dei presentatori, ma chi erano?) tutta una serie di artisti semi-totalmente fedeli alla causa (quale?) che ogni anno, neanche fosse Sanremo, anzi peggio di Sanremo, aderiscono con partecipazione da rimpatriata casareccia. Soliti proclami, letture “colte” perse nel vuoto cosmico, in un’orgia di “su le mani”, “ciao Roma, quanto siete belli”, “in alto le fiaschette, attacca Stefanuccio”, tamburelli, gonne lunghe, palandrane nere, estetica nulla, neanche nei peggiori pub della peggior periferia. Le domande sono tante. Quale Italia dovrebbe rappresentare questo circo raffazzonato? Piero Pelù ha depilato le ascelle? Perchè i Modena City Ramblers ad un certo punto sembravano i cugini dei Big Country? I Velvet non si erano estinti con la glaciazione? La Bandamadò ha preso casa a Via Sannio? La diretta della manifestazione raggiungeva anche la Corea del Nord? I soldi di noi contribuenti utilizzati per la canonizzazione dei Papi e per questo mega-evento verranno rimborsati? Il sindaco Ignazio Jagger Marino sarà rimasto soddisfatto?

* Peaches Geldof è morta per overdose. Esattamente come era accaduto alla madre Paula Yates. Rimane il ricordo e una storia triste.

* Pixies say they’ll record another new album to prove the critics wrong”. Ma anche no, non prendetevi queste preoccupazioni.

* Entra di diritto nella sezione scult assoluto la vicenda Paul Simon vs Edie Brickell. Marito e moglie (famosi…) che litigano, si accapigliano, disturbano la quiete pubblica (negli Stati Uniti roba seria), vanno dal giudice mano nella mano, dichiarano che nulla di grave è accaduto, e il giorno dopo insieme tirano fuori una canzone. Ridicoli.

* Il 51enne batterista degli Scorpions James Kottak si sta facendo un mese di gabbio a Dubai, dopo aver insultato l’Islam durante un volo “alcolico” quantificato in 5 bicchieri di vino. Alcuni testimoni raccontano: “Started swearing and talking about ‘non-educated Muslims’ before he flashed his middle finger at passengers. When he saw the Pakistani and Afghani passengers, he covered his nose and said that there was no way he will travel with them”. Ma anche basta tu e gli Scorpions!

* Dopo Damon Albarn anche Billy Joel confessa e racconta il suo passato segnato dalle droghe. La somiglianza con Giorgio “Peter Gabriel” Faletti continua però ad inquietare.

* Theresa Wayman delle Warpaint, intervistata dal magazine Q, ci va giù duro sull’atteggiamento artistico (diciamo così) di Rihanna e Béyonce. “She [Rihanna] has an insane voice, she could’ve done something so much more stuble and artful. Every song on Beyonce’s last album has her basically looking like a slut and she does not need to do that. She’s gorgeous and so fucking talented. And they all take it as women’s liberation”. Il giorno dopo corregge il tiro su Facebook affermando di essere fan di entrambe le cantanti: “not trying to start a war. I apologize for being careless with my words. I apologize to fans of Beyonce and Rihanna, I fucking love them too. Me and and my big mouth”. Brutte, brave per niente e pure invidiose. Il caso Warpaint.

* Kliph Scurlock da un paio di mesi non è più il batterista dei Flaming Lips. Le cause dell’abbandono/cacciata non sono mai state rese note. A noi non importava nulla ma il musicista ha tenuto farle sapere a tutti con una missiva inviata a Pitchfork. In pratica Scurlock ha accusato Wayne Coyne di “razzismo e maltrattamenti” per una storia legata ad una loro amica (bla bla bla). Tutto molto noioso e alquanto tristarello. Il primo caso di mobbing nel campo musicale?

UP

* Paul Rodgers is to be honoured by the Music Business Association with its Chairman’s Award”. Egli è stato un grandissimo cantante. Il consiglio nel mare sterminato di una carriera fantastica ha solo un nome: Free.

* Robbie Williams e la moglie Ayda Field festeggiano l’arrivo di un altro bimbo. “Ayda and I are delighted to announce that Theodora Rose Williams is going to be a big sister. RW xxx”. Auguri.

* Ci ha lasciati Paul Goddard bassista degli storici Atlanta Rhythm Section.

* Paul McCartney è in Sud America. La tappa in Ecuador viene ricordata perchè sul monte Pichincha, vicino Quito, viene riprodotto in dimensioni gigantesche il logo del nuovo album ‘New’ dell’ex-Fab 4. Monumentale.

* Per chi non conoscesse Wilko Johnson i libri di storia parlano di Dr. Feelgood e di uno dei musicisti influenza-cardine per la nascita del movimento punk britannico. Il 66enne dell’Essex combatte da tempo con un male “infame” (rivela nel 2013 di avere una forma terminale) e proprio in questi giorni è stato sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico. Wilko is recovering following a nine hour operation on Wednesday in which doctors successfully removed a pancreatic tumour. The head of the medical team treating Wilko said that they were happy with his condition. Wilko will stay under very close observation for the next few days. Although cautiously optimistic the team have to stress that it is very early days yet”. Da circa un mese è uscito il disco ‘Going Back Home’ assieme al mitico Roger Daltrey. Forza Wilko!

* Forse non tutti sanno che… i Move sono stati una band fantasmagorica. La band pre-Electric Light Orchestra per intenderci, la band nata a metà anni ’60 e di quella decade una delle più grandi di sempre, la band del mitico Roy Wood (e di Jeff Lynne), la band che tutti dovrebbero avere “a casa” sotto forma dei quattro dischi (‘Shazam’ il top per chi scrive) realizzati tra il 1968 e il 1971. Bene i Move (ciò che ne restava) decidono di mettere la parola fine all’avventura (durano fino al 1972 e si riattivano nel 2004): “We are having a good time, playing to fans old and new. However, I am sad to say that this will be the last time. The reason is that the future is already getting choc a bloc with other projects that I am really excited about”.

* Curiosità sul “monte” ingaggi degli artisti (leggi).

* Dopo la sepoltura in forma privata dello scorso 25 marzo, Mick Jagger ha celebrato la sua compagna L’Wren Scott (morta il 17 marzo) con una cerimonia funebre alla St. Bartholomew’s Church di Manhattan. Il frontman degli Stones ha cantato per lei ‘Just Like A Woman’ di Bob Dylan. Una “vecchia” corista della band, Lisa Fischer, si è invece cimentata in ‘Amazing Grace’.

“We are having a good time, playing to fans old and new. However, I am sad to say that this will be the last time. The reason is that the future is already getting choc a bloc with other projects that I am really excited about.”Read More: The Move Announce Their Break-Up | http://ultimateclassicrock.com/the-move-break-up/?trackback=tsmclip
“We are having a good time, playing to fans old and new. However, I am sad to say that this will be the last time. The reason is that the future is already getting choc a bloc with other projects that I am really excited about.”Read More: The Move Announce Their Break-Up | http://ultimateclassicrock.com/the-move-break-up/?trackback=tsmclip

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here