Up & Down #90

601

Non teme la sorpresa pasquale la rubrica più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* ‘To The Top’ è il nome del nuovo singolo di Twin Shadow. Il dominicano/floridiano tira fuori un brano di rara bruttezza che si candida a tutto ciò che di peggiore c’è nel mondo delle classifiche.

* L’88enne B.B.King continua ad esibirsi live, ma per la prima volta (forse), viene duramente criticato per l’ormai scarsa qualità delle sue performance. Rispetto massimo ma la tristezza è tanta.

* Nuovo singolo degli Zero Assoluto: ‘Adesso Basta’. Certamente, si spera, autobiografico.

* “Every funeral I go to, they play bloody ‘Atmosphere’” (Peter Hook). Zitto una volta no?

* David J (ex-Bauhaus/Love and Rockets) torna solista e nel nuovo video – la cover di ‘Toxic’ di Britney Spears – la luciferina protagonista è Sasha Grey. Amatoriale unione di kitsch e malinconia.

* Malcolm Young degli Ac/Dc non sarebbe più in grado di suonare a causa di uno stato di salute ormai precario. La band australiana non si scioglie. Ma resta una grande amarezza.

*  Pete Doherty ammette “candidamente” di essere indebitato e rivela di aver accettato un’offerta per riunire i Libertines (prossima estate). Fine.

* Courtney Love continua i suoi deliri sociali. L’ultimo in ordine di tempo riguarda i QOTSA che vengono tirati in ballo così: “Well, you sit and you write like, Queens Of The Stone Age drudge for a month, and it’s just not happening, and it’s not happening – not that Queens Of The Stone Age suck, but people expect a lot more from me. Josh Homme can play like, four notes on his bass and people take off their tops, but I have a higher bar for whatever reason. It has to be just fucking really really good”. Brutta cosa le droghe.

* Tranne qualche rara eccezione in Italia il 19 aprile si è consumato il Record Stock Day. Ogni commento è superfluo.

* Pete Townshend conferma: gli Who al lavoro sul nuovo album. Ed è subito nuvolosità sparsa.

* Gwen Stefani entra nel cast di The Voice US. La disoccupazione male globale.

UP

* Miley Cyrus ricoverata in ospedale per cause allergiche. La ragazzina posta sui vari social buffe foto della sua degenza in compagnia di strani pupazzetti. Altro che twerk e linguacce.

* Natty Brooker.

* Nick Oliveri dopo 10 anni ricompare sul palco assieme ai Queens Of The Stone Age. Notizia.

* Il Record Store Day. Spettacolo puro quello messo in piedi dai più celebri negozi americani, inglesi, europei in genere. File oceaniche, live, Dj set, coinvolgimento, ordine e organizzazione.

* Il giorno di Pasquetta gira a 67 Iggy Pop (che appare sul numero di aprile di Playboy) e gira a 55 Robert Smith (che su Playboy non apparirà mai).

* Al World Cafe Live di Philadelphia i Black Lips accolgono sul palco Boy George (con indosso una fantastica giacchetta camo) per una splendida cover di ‘Bang A Gong (Get It On)’ dei T.Rex. Top assoluto (guarda).

* Jack White continua la sua opera divulgatrice di genio e follia pura. Il disco più veloce mai realizzato esce il giorno del RSD14 dalla sua umile casetta discografica di Nashville. Suonato e registrato live, masterizzato e pressato in loco. Il tutto in meno di quattro ore (anzi per la precisione 3 ore, 55 minuti e 21 secondi). Il risultato – il singolo ‘Lazaretto’ con la B-side ‘The Power Of My Love’ dell’Elvis migliore – lo fa entrare di diritto nel Guinness dei Primati. Ci inchiniamo. [guarda]