Up & Down #84

662

Non teme il Wi-Fi la rubrica più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* Gli U2 posticipano il nuovo album al 2015. Gli U2 smentiscono e confermano il nuovo album per il 2014. Se ‘Invisible’ è “Piedone Lo Sbirro” si attende allora una tracklist con influenze tra Alvaro Vitali, Il Commissario Lo Gatto e Vacanze in America.

* I Tool hanno terminato il nuovo album. I Tool smentiscono e confermano che il nuovo album non è ancora terminato. Anche chissenefrega.

* Il ritorno dei Coldplay è pretestuoso e pretenzioso. Ridefiniscono il suono come dentro un geiser. Ma quei paesaggi rimangono, per loro, lontani. Lontanissimi.

* “Despite selling millions of records, Alison Goldfrapp, one half of Electonika duo Goldfrapp, can happily walk down the street without getting recognised”. Forse è solo la conseguenza dell’ultimo album totalmente ignorato dai più (e dai meno). Alison, Alison…

* Lo split prematuro e improvviso dei Rapture. Che non si degnano di sprecare qualche riga di commiato. Peccato. Ci mancheranno comunque.

* La moda sempre più ossessiva delle cover. Per un attimo di celebrità social(e)? Per seguire semplicemente un rinnovato trend? O per ingolfare i media specializzati ormai ridotti a lanciare tre righe di notizia ad ogni nuova versione del cazzo? Gli Arcade Fire vs Stevie Wonder, gli inetti Chvrches vs Tutti, Springsteen rende omaggio ai paesi che visita, Drake vs Rihanna, Grace Jones vs Gary Numan… solo per citare alcuni degli ultimi protagonisti… basta!!!

* Nel nuovo album di Francesco Renga compaiono brani scritti da GiuGliano Sangiorgi e Kekko dei Modà. Minchia! Due picc(i)oni con una fava.

* Manuel Agnelli ricorda il Sanremo 2009: “I discografici cercavano i nuovi Litfiba, che sono bravi e forse un po’ troppo grotteschi, ma a noi manca il talento per gestire certe logiche…”. Dai che manca poco…

* Johnny Marr non ha più l’età. Si rompe una mano facendo jogging. “I was running pretty fast and just went straight over. I banged my shoulder and then realized my hand was in a bad way. Obviously we’re hoping there’s no long-term damage”. Relax Johnny, relax.

* E’ partita su Rai 2 la nuova edizione del talent musicale The Voice. Al posto di Cocciante c’è J-Ax al secolo Alessandro Aleotti. Il resto del cast è rimasto invariato (Pelù, Carrà, Noemi). Anzi, mummificato. Imbolsiti come statue di cera, i giudici vedono sfilare il solito campionario da cover band. Solo che non siamo in un pub di quart’ordine ma in prima serata. Triste.

UP

* King Crimson no reunion…”. Saggezza.

* Paco De Lucia.

* Buren Fowler.

* Alla Carnegie Hall di New York va in scena per il 24esimo anno il Tibet House U.S. Benefit Concert. Sul palco i New Order vengono raggiunti da Iggy Pop per eseguire i classici ‘Transmission’ e ‘Love Will Tear Us Apart’. Emozione.

* Le vere cover. Patti Smith tributa Lou Reed con ‘Perfect Day’ (guarda). Grazie.

* Dal 13 marzo al 1 maggio a Ono Arte a Bologna. “Kate Moss: The Icon“. La mostra.

* La battuta è facile: un libro per ragazzi dal “ragazzaccio” per antonomasia. Eppure nonno Keith Richards pubblica “Gus & Me: The Story of My Granddad and My First Guitar” con le illustrazioni opera della figlia Theodora. Commovente.