Up & Down #79

472

Non teme l’allerta meteo la rubrica più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* I sempre più inspiegabili Chvrches si cimentano a tempo perso nella cover di ‘Bela Lugosi’s Dead’ dei Bauhaus (ascolta). Oltraggio al pudore. Peter Murphy si dice sia tornato a drogarsi.

* Rolling Stone > la copertina. Oltre ogni limite (guarda). Il commento è ancora peggio: “la copertina con Papa Francesco è rock”. Uniamoci a Peter Murphy.

* “Rock legends Extreme have announced that they will be playing four UK shows as part of their ‘Pornograffitti Live’ tour”. E’ la parola “leggenda” che non quadra.

* “Legendary prog pioneer Ian Anderson has announced the imminent release of new studio album Homo Erraticus”. Bastaaaaa!

* La morbosa curiosità di scovare anche solo per un attimo i Daft Punk al “naturale”, senza caschi”, sta raggiungendo il limite di quella che negli anni ’70-’80 aveva colpito loro malgrado i Kiss. Allora un motivo c’era. Oggi viene da dire: meglio con i caschi!

* La senilità è una brutta malattia. Soprattutto se cavalcata con spocchia e onnipotenza. Accade al solito Linus che durante le due ore del programma radiofonico (e televisivo) Dj Chiama Italia, inanella una serie di e(o)rrori e gaffe da libro Cuore (aperto). Basi musicali rimaste a Sandy Marton e agli Imagination, logorrea invasiva, il tutto condito (perchè fa figo e giovane) da continue parolaccette come “cazzo” e “vaffanculo”. Scult al sapor di cocomero.

UP

* Annuncio del ritiro dai palchi. Allman Brothers Band: “This is it — this is the end of it”. Monumentali. Onore.

* Il documentario “20,000 Days On Earth” con protagonista Nick Cave e “God Help the Girl” di Stuart Murdoch dei Belle And Sebastian vincono premi al Sundance Festival. Clap clap clap.

* Il producer Benga (un vero pioniere del dubstep) annuncia il ritiro dalle scene per dedicarsi alla famiglia: “I’m engage[d] to Holly-Jae Treadgold the love of my life. My djing career is finished i just wanna start a family. Big up to all my real supporters its been a lovely time”. Bravo.

* Bellissimo lo spot della Chrysler presentato durante il Super Bowl con protagonista Bob Dylan (guarda).

* Simpatico anche lo spot della Bud che vede invece assieme OneRepublic (?) e Arnold Schwarzenegger (guarda).

* David Lynch ospite di Fabio Fazio su Rai 3 in una piovosa domenica di febbraio. L’intervista del bigotto pretino, le domande fatte da autori più bigotti di lui, l’intervento di Carlo Verdone e la smania finale di dover finire, fanno parte del DOWN più assoluto. Lynch, la sua simpatia, la sua serenità e il suo genio (comprensibile) sono un UP da tramandare ai posteri.

* Un ricordo ancora per il grande Philip Seymour Hoffman. Allora la memoria corre anche alla sua indimenticabile interpretazione di Lester Bangs nel cult-movie “Quasi Famosi”.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here