Up & Down #51

493

Non teme la sabbia tra le dita la rubrica più giovane di Nerds Attack!. Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* Liam Gallagher sempre e solo Liam Gallagher. Solleticato e sollecitato ad un’ennesima risposta su una possibile reunion di questi cazzo di Oasis, dichiara in stile Lapo: “Without being f**king hippy, it’ll happen when it’ll happen. If the musical gods want it to happen”.

* L’ennesimo articolo vergognoso di Ernesto Assante appare puntuale su Roma.Repubblica.it. Nel presentare la data romana dei National inanella una serie di tonfi sordi come il suo vetusto e sorpassato “stile” giornalistico (leggi). Personaggi ossessionati da quei 4-5 gruppi che si son portati dietro per una vita. Gente che vede Pink Floyd e Led Zeppelin ovunque. Persone che nel 2013 avanzato non sono ancora in grado di consultare come si deve la rete internet. Gente che farebbe bene a farsi da parte.

* Dopo circa dieci anni i Pixies, a sorpresa, ritornano con un nuovo brano (‘Bagboy’), ad appena una decina di giorni dalla storica dipartita di Kim Deal. Che non c’è dubbio sia presente nel pezzo in questione. Qualche ora dopo arriva però una discutibile smentita da parte dell’agente della band: “Kim Deal is not on the track, a publicist confirms. Frank Black collaborator Jeremy Dubs played bass and Joey Santiago David Lovering, and Dubs did the backing vocals”. Ci sembra una così grande stronzata che potrebbe anche essere vera. E allora la voce femminile di ‘Bagboy’ di chi diavolo è? Certamente della Deal. Brutta figura.

* “Rick Wakeman will return to one of his greatest triumphs, Journey to the Centre of the Earth, via a series of 2014 concerts with the English Rock Ensemble and the Jules Verne Symphony Orchestra and Chorus”. Tanto basta per colorare tutto di marrone.

* Peter Garrett lascia la politica (“has been a privilege to serve as a loyal Cabinet Minister for nearly six years”) per dedicarsi  (forse) alla reunion dei Midnight Oil. Si attende ripensamento.

* Il 2 settembre ritornano gli UB40 con il ventesimo album ‘Getting Over The Storm’. La parola pietà non vi è dunque nota?

* Earl Slick dichiara che non ci sarà nessun tour di David Bowie in questa seconda parte di 2013. Notizietta prevedibile.

* Kat Von D e Deadmau5 si sono lasciati. Da oggi il mondo non sarà più lo stesso.

* I Guitar Wolf.

* Le sovietiche Serebro(lese) lanciano il nuovo tormentone estivo. “Non si sentono le voci” viene soppiantato da ‘Mi Mi Mi’. Alziamo le mani davanti al genio.

* Jon Bon Jovi a Milano. Stadio San Siro con molti “buchi” tra gli spalti. Senza Sambora, con i denti sbiancati, senza voce, spettacolo vicino alla tristezza e in pieno declino. Nostalgia e neanche più canaglia.

UP

* Alan Myers. Il vero e unico drummer dei Devo. Ancora un ricordo, soprattutto a quelli che da qualche parte han scritto che il ragazzo non era poi così capace a suonare. Un consiglio paterno: cambiate mestiere.

* Il Glastonbury si conferma il “festival”. Non solo per la quantità di artisti presenti ma per l’atmosfera che ricorda ancora gli avvenimenti campali e accampati degli anni ’60-’70. Gigante.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here