Up & Down #382. E che nessuno si offenda.

374

Non teme la frenesia la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Evanescence, Amy Lee conferma: ‘Stiamo lavorando al nuovo album, sarà oscuro e intenso'”. Notizie che non vorresti mai leggere mentre inizi a predisporre il soffritto per fare il sugo.

* Guns N’Roses in Italia. In un paese pieno di crepe vanno avanti solo le rughe.

* E il grande imbarazzo che provi quando ascolti il singolo di Max Pezzali ‘In Questa Città’ in cui l’artista (!) pavese descrive Roma come neanche nelle peggiori favolette per neonati.

* Vicky Cornell (vedova del compianto Chris) ha intentato una causa contro gli altri membri dei Soundgarden, rei di non aver pagato le royalties che sarebbero spettate al marito. Cifre enormi su brani scritti prima della morte del marito e che lo stesso avrebbe lasciato in eredità a lei e ai figli. Cose tutte molto tristi.

* Il palco è quello annuale del concerto di beneficenza Home for the Holiday organizzato da Cyndi Lauper. Siamo a Los Angeles e tra i tanti ospiti anche Henry RollinsBrandi Carlile, Marilyn Manson, Kesha e King Princess. In marrone scuro ci finisce l’esibizione della padrona di casa con il reverendo Manson sulle note di ‘The Beautiful People’. Uno spettacolo degno del miglior Circo Orfei, una sorta di passeggiata dell’orrore, un corridioio della paura che è possibile ascoltare e vedere nel seguente video.

* Altro giro, altro concerto benefico. Parliamo del Rainforest Benefit concert “We’ll Be Together”, organizzato da Sting, andato in scena al Beacon Theatre di New York. Tra i protagonisti, oltre alla già celebrata reunion degli Eurythmics, Debbie Harry, Bruce Springsteen, John Mellencamp, James Taylor, Ricky Martin, Shaggy, DMC, finanche il nostro Zucchero. Alla fine tutti a sgolarsi sulle note dell’immortale ‘Don’t Stop Believin‘ dei gloriosi Journey. Il marrone è per quest’ultima prova collettiva.

* Da LaStampa.it qualche riga significativa sulla saturazione X Factor: “Eppure X Factor 2019 è andato ampiamente sotto le aspettative. Cos’è che non ha funzionato? I telespettatori non l’hanno premiato con gli ascolti, si è passati dai quasi due milioni dello scorso anno a meno della metà di questo. Un calo che ha interessato anche lo share”. A quando l’estinzione?

Fabrizio Zampa su IlMessaggero.it parla dei Marillion: “… sono i Marillion, precursori inglesi di quel progressive rock che oggi è più vivo che mai…”. Certo precursori di tutto il progressive come no. E ancora: “… offrono il loro rock oggi condito da un piccolo mix di pop e avanguardia. Benissimo.

* Ci erano mancati i titoli del Corriere.it e le interpretazioni RUOCK di Andrea Laffranchi“Townshend: ‘Sono il vecchio del rock ma non mi fermo’”. Ma per favore.

* Senza esitazione finisce colorato di marrone il bianco e nero di Cesare Cremonini ammantato di kitsch. Situazione Snow Division!”. Ma va a cagher.

* John Frusciante è rientrato nel gruppo. Minchia ragazzi che fantasia. E a suggello di una serata eccitata (!) sui social ecco IlTempo.it che mette la ciliegina sulla torta: “Red hot chili peppers, Jack Frusciante è rientrato nel gruppo. E i social esplodono“. Titolo alla Studio Aperto aggravato dalle righe dell’articoletto: “… e mettono con ogni probabilità, la parola fine ad una delle storie più tormentate del rock. Ve meritate Zalone e i Nutella Biscuits.

[UP]

+ Marie Fredriksson (Roxette).

+ Roy Loney (The Flamin’ Groovies/The Phantom Movers).

+ Gershon Kingsley.

+ Danny Aiello.

+ Anna Karina.

* Nell’oceano di documentari e docufilm segnaliamo questo bellissimo “Break on Thru – A Celebration of Ray Manzarek” che verrà presentato in anteprima il prossimo 12 febbraio. Tra i contributi: ROBBY KRIEGER (THE DOORS) * JOHN DENSMORE (THE DOORS) * TAYLOR HAWKINS (FOO FIGHTERS) * RAMI JAFFEE (FOO FIGHTERS) * ROBERT DELEO (STONE TEMPLE PILOTS) * STEPHEN PERKINS (JANE’S ADDICTION) * JOHN DOE (X) * EXENE CERVENKA (X) * WARREN HAYNES (GOV’T MULE).

* Titolo: Banksy supports Idles‘ Bristol gig to buy 400 ‘sleep pods'”. Sottotitolo: Banksy has designed some festive t-shirts to be sold at IDLES‘ sold-out gig at The Marble Factory in Bristol”. Applausi.

* Dolcissimo post di Beth Orton dedicato al compleanno della figlia: “Who woulda thunk it 🌺🌺🌺🌺🌺🌺 my baby girl and me all grown up. 13 years since I got the most beloved birthday gift this very day. Happy birthday sweetheart 🌺🌺🌺🌺🌺🌺🌺you are a dream come true and there ain’t no mountain high enough as someone once sang”.

* Proprio Annie Lennox all’indomani della reunion eccezionale degli Eurythmics scrive: “After the Rain Forest Fund concert on Dec 9th I’m going to take a bit of a sabbatical for a while… It’s been wonderful to share thoughts and images with y’all out there.. but I need to step back for awhile… So until next time – Hasta la vista peeps! Be well in this crazy world! Love Annie L”.

* The Smiths’ historic first recording (a ’60s girl group cover ) has surfaced online”. Ecco ‘I Want a Boy for my Birthday‘ (1982). Simon Goddard racconta: “The earliest known surviving document in the recording history of The Smiths stems from those very first attic practice sessions with Morrissey, Marr and Hibbert. It was for the latter’s benefit that the singer and guitarist taped a simple arrangement of ‘I Want A Boy For My Birthday,’ a 1963 B-side by New York girl group The Cookies, on Marr’s TEAC machine so that Hibbert could learn the melody in preparation for The Smiths’ first demo session. The cover was Morrissey’s idea. ‘I’d never heard it before,’ says Marr, ‘but I thought, ‘Great, this’ll really freak ’em out!’. I was really happy to encourage it”.

* Copertina che spetta allo scatto catturato durante una cena in un ristorante di Londra e che ha come protagonisti Neil Tennant dei Pet Shop BoysSusan Janet Ballion ovverosia la mitica Siouxsie Sioux. Salute!