Up & Down #379. E che nessuno si offenda.

242

Non teme i dolori la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Mötley Crüe confirm reunion, destroy ‘cessation of touring’ contract”. Notizie che non vorresti mai leggere mentre mangi una banana bananissima come prima colazione.

* “Lo stop (per il clima) dei Coldplay: «Mai più un tour finché non sarà sostenibile»”. Le belle notizie che arrivano all’improvviso in una giornata di pioggia. Aggiungerei mai più un tour finche vi vestirete così di merda.

* La notizia trasformerebbe subito Patti Smith in rosso vivo, rosso da “UP”: “L’Università di Padova assegna a Patti Smith una laurea honoris causa in Lingue e Letterature europee e americane”. Ma la news lanciata dall’ANSA.it e rilanciata dai soliti media copia-incollatori è da marrone perenne, visto che ancora una volta, per la milionesima volta, nell’anno 2019 (quasi 2020) si parla dell’artista americana come di “sacerdotessa del rock”. Certo, ci sarebbe anche da pennellare di marrone l’ennesimo, milionesimo tour italiano… ma questa è un’altra storia… come sempre tutta italiana.

* Ma avete visto? Sono nate già delle riproduzioni italiane di Billie Eilish. Giovani ragazze dai nomi improbabili e improponibili che in breve tempo hanno trovato la loro dimensione ideale per “arrivare”, per “spaccare”, per “scimmiottare”. Beata ignoranza.

* Complimenti a Rai 5 che nelle info riguardanti un docufilm sul leader dei Queen la spara grossa: FREDDY.

* A X Factor (stiamo guardando le repliche, dunque siamo una settimana indietro, perdonerete) tra gli ospiti anche Mabel (Alabama-Pearl McVey), 23enne stellina dell’R&B mainstream. Alessandro Cattelan, nella sua ormai conduzione a pilota automatico, stanca e piena di enfasi ampollosa (sembra già vecchio), presenta l’artista e poi la intervista brevemente senza mai citare il fatto che sia la figlia di Neneh Cherry. Ci poteva stare no? Invece manco per il cazzo.

* E ritorniamo su Fabrizio Zampa e IlMessaggero.it perchè il titolo della sua rubrica questa volta parte subito forte: “I concerti a Roma fino al 1° dicembre: dall’afrobeat di Sean Kuti…”, bene magari è SEUN. IL resto è la solita galleria degli orrori e delle banalità che vi risparmiamo per questa settimana.

[UP]

+ John Mann (Spirit of the West).

* Gli 80 anni di Tina Turner.

* Dopo aver trascorso circa un mese in prigione a Stoccolma, A$AP Rocky tornerà ad esibirsi nella città svedese all’Ericsson Globe l’11 dicembre. “… and plans to donate a portion of the proceeds of his concert to prison reform along with designing new uniforms for inmates. New design consists of a green tracksuit with the word ‘PROMENVD’ printed on the chest”. Bravo.

* Gli Screaming Females si buttano nel business del caffè producendo assieme alla Cantrip Coffee Roasters il loro prodotto griffato semplicemente Screaming Females Coffee.

* David Byrne da Jimmy Fallon: semplicemente fantastico!

* Da Living del Corrieredellasera.it questa volta il titolo può calzare a pennello. Luca Guadagnino designer: la boutique è rock”.

* Solo per una notte, nei cinema il 16 dicembre. Arriva il nuovo documentario dei Gorillaz “Reject False Icons” diretto da Denholm Hewlett figlio del co-fondatore Jamie Hewlett. Raccontati gli ultimi tre anni dell’attività del gruppo: “The result is the first ever all-access immersive journey into the world of Gorillaz and its extended family, featuring never-seen footage, where the virtual meets the real”.

* Se avete dei figli o siete semplicemente appassionati di cartoni, beh allora non perdetevi sul canale Frisbee la nuova serie argentina dei Mini Beat Power Rockers che “racconta le avventure di una baby sitter e dei quattro bambini (di cui uno è un robot antropomorfo) di cui si occupa. Ognuno di questi bambini suona uno strumento e ogni episodio della serie prende spunto da un genere musicale del quale alla fine vengono raccontati i tratti salienti. In ogni puntata è presente una canzone che riprende il tema dell’episodio, spaziando dal rock alla disco music” (Wikipedia).

* Libro e mostra dedicata a Copenaghen (dal 23 marzo fino al 3 ottobre al The Black Diamond) per l’indomabile Nick Cave. Biografia illustrata (in uscita sempre il 23 marzo) e mostra hanno lo stesso nome: “Stranger Than Kindness”. “Stranger Than Kindness is a journey into the creative world of musician, storyteller and cultural icon Nick Cave. The exhibition brings together large scale installations and original atmospheric soundscapes with more than 300 objects from Cave’s own collection, the Nick Cave archive at Arts Centre Melbourne, the collections of Royal Danish Library and a number of private lenders. It presents more than 50 years of Cave’s life, work and inspiration in a spatial, multi-sensory exploration of his many real and imagined universes. Pieces including original artwork, handwritten lyrics, literature, photography, videos, set designs, and collected personal artefacts are shown in a shifting, immersive narrative across eight rooms. The exhibition was developed and designed by Christina Back, Royal Danish Library and Janine Barrand, Arts Centre Melbourne in collaboration with Nick Cave for The Black Diamond, Copenhagen. It was curated and produced by Royal Danish Library in collaboration with the Australian Music Vault at Arts Centre Melbourne. The soundscapes were composed and recorded for the exhibition by Nick Cave and Warren Ellis”.

* Le polemiche dopo l’arbitraggio di Liverpool-Manchester City, in cui la squadra di Guardiola sarebbe stata penalizzata perdendo poi per 3-1, non si sono ancora spente se è vero che il tifosissimo Liam Gallagher si è presentato al concerto di Liverpool facendo mandare sugli schermi la scritta “VAR PENALTY“. Sbem!

* Galeotta fu la foto al pub tra gli amici di sempre Mick Talbot e Paul Weller. Una birretta che ha fatto subito scattare la notizia di un imminente ritorno degli Style Council. Neanche 24 ore e per fortuna Paul Weller ha precisato. “I’m not interested in any reunions. Out of the two, Style Council sounds more appealing because we had a laugh at that time. Whatever great feelings or nostalgia I had for that time, I know I could never re-capture it and its probably better just being left where it is, really. It just wouldn’t be the same. I don’t see the point”. Applausi.

* David Beckham a San Francisco assiste a un concerto dei Fleetwood Mac e scattano poi le foto di rito… e quella con l’adorata Stevie Nicks… quanta invidia!

* Copertina dedicata a Kim Gordon che posta via social una foto che la ritrae a casa degli amici J Mascis e della moglie Luisa Reichenheim: “This makes me so happy ! Love this person and this place ! Love you”.