Up & Down #376. E che nessuno si offenda.

212

Non teme il freddo la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Panorama.it ci lancia verso la conoscenza di un nuovo soprannome appiccicato ad un artista. Così dopo roba tipo poetessa, genietto, menestrello e boiate varie: “Ben Harper: il bardo del soul rock compie 50 anni”. Grazie (anche per soul rock).

* Fabrizio Zampa inarrestabile. Siamo sempre e perennemente su IlMessaggero.it nella sua deliziosa rubrica degli eventi musicali della capitale. Iniziamo da una cover band di Elvis: “L’8 gennaio 1935 nasceva Elvis Presley che ormai avrebbe 84 anni…”. Poi una delle sue vette incontrastate. L’Everest del giornalista (!) si traduce già dal titolo: “Halloween Pschedelico con The Winstons e Acid Mothers Temple & Melting Paradise. E dentro: “Un Halloween psichedelico conemple due band sul palco: The Winstons e Acid Mothers Temple & Melting Paraiso U.F.O.”. Manca un “THE” prima di Melting ma che vuoi che sia… poi gli obbrobri continuano visto che il nostro eroe mette al plurale i cognomi d’arte dei protagonisti: “Enro Winstons, Rob Winstons e Lino Winstons…”. Cosa suonano? “Una nuvola fumosa di sonorità psico-jazz-garage…”. E gli Acid Mothers Temple senza articolo dopo? Prima scrive: “… una storica band di rock noise psichedelico…”, poi “… esplorano tutti gli angoli del rock, dallo sperimentale all’elettronica…”. Finita? Manco per il cazzo. Titolo: “La band dei Korokoko live al Monk”. Dei chi? Magari sarà Kokoroko. Anche dentro il trafiletto prima la becca giusta e poi verso metà Cuccurucucu paloma, ci risiamo. Ignoranza capitale.

* Per dovere di cronaca includiamo l’imbarazzante scelta di Morrissey di vendere al banco del suo merch (siamo in USA, nello specifico all’Hollywood Bowl di Los Angeles) vinili di altri artisti autografati da lui al modico prezzo di 300 dollari. La domanda è una sola: che te dice la testa zi?

* Dopo averla recentemente apprezzata nella riuscita serie TV (Netflix) “The Politician” e non averla per niente considerata in “Bohemian Rhapsody” accanto al suo mediocre compagno Remi Malek, la bella 25enne Lucy Boynton sarà probabilmente Marianne Faithfull in un biopic dedicato che verrà girato nel 2020. L’attrice anglo-americana vestirà i panni anche del produttore esecutivo. OK, ma la vogliamo smettere con questi biopic posticci da terza elementare?

* Ma neanche per sogno. Si avvia infatti a realizzarsi in un prossimo futuro anche un biopic sui Bee Gees che sembra avrà come produttore Graham King lo stesso del capolavoro di ogni tempo “Bohemian Rhapsody”! E anche i Kiss progettano qualcosa, magari un racconto sui loro inizi…

* Ormai anche ai concerti di Peter Hook succede un po’ di tutto in stile Carramba, Uomini e Donne, Agenzia Matrimoniale, C’è Posta Per Te. Gente che si promette, che si dichiara, che si sposa, nonne arzille, bambini prodigio, nani, esibizionisti. Dave Grohl, Bruce Springsteen e i Pearl Jam hanno fatto e stanno facendo scuola in questo senso e ora tocca anche a Hook. Siamo al First Avenue di Minneapolis e una coppia pensa bene di mettersi insieme sul palco. Che tristezza.

[UP]

* Gli 80 anni di Grace Slick.

* Dopo più di 20 anni si dividono i Fischerspooner (di Warren Fischer e Casey Spooner): “FISCHERSPOONER IS DEAD LONG LIVE FISCHERSPOONER.” Its corresponding caption addressed fans, saying, “THANK YOU FOR EVERYTHING”. Ci mancheranno? Mah.

* Causa reunion dei Rage Against The MachineProphets of Rage annunciano la fine, Ci pensano B-Real e Chuck D. Quest’ultimo scrive: “It was about doing something greater than self. 2020 keeping ZDLR spot warm for RATM & powering a statement for 1000 days was a honorable truth mission in the hours of chaos from the jump… And so the bands rock on…. Let’s go”. Ci mancheranno? Mah.

* I Pearl Jam (nella persona di Stone Gossard) twittano e commuovono in ricordo del grande Shawn Smith: “Shawn Smith’s music and spirit is a gift… On this, his birthday, we are happy to announce all Brad and Satchel music is now avail on music streaming services … Thank you Shawn -Stone”.

* Quotidianità correlata degli ultimi giorni. Pete Doherty con il figlio 16enne Astile Louis avuto dalla storia con la cantante Lisa Moorish già madre di Molly nata da una fugace relazione con Liam Gallagher (eccoli assieme a Los Angeles nella seconda foto). La figlia dell’ex-Oasis indossa gli stessi abiti con i quali il padre si esibirà da Jimmy Fallon.

* Eh si perchè sarà pure stonato, ma Liam Gallagher è da sempre un avido e appassionato collezionista di “winter jackets” e outerwear in generale. Nasce in questi giorni una splendida collaborazione con Nigel Cabourn, celebre fashion designer inglese, che in 40 anni “driven by inspirational stories of real people in history and vintage military, outdoor and work wear pieces”. L’apparizione di Liam da Jimmy Fallon lo vede indossare anche un Alder Hunting Parka collaborazione tra lo stesso Nigel Cabourn e Element Brand. Non siate curiosi, lasciate stare i prezzi, la qualità è ai massimi livelli e giustamente il costo è proporzionato a cotanta manifattura.

* Un bel rosso vivo per il mitico John Fogerty qui ritratto flanellato con l’uomo ovunque Dave Grohl. “Before 90s alternative music made flannels cool, remember John was one of the first to rock the flannel on stage. A man, a guitar, and a flannel shirt. The perfect combination!”. Ma il rosso per Fogerty non è finito visto che: “John Fogerty will dedicate the ‘Proud Mary – John Fogerty Container Home’ at Veterans Village in Las Vegas on 11 November. Fogerty funded the construction of the ‘Proud Mary’ container using the money he received from the cancelled Woodstock 50 event“.

* Applausi ai Faith No More che dedicano parole e foto al popolo cileno. Chilenos, We admire your desire for social justice. Sometimes you need to fight for what you believe in and we support you 100%, just like you have supported us all of these years. Stay strong and hope to see you in the near future! FNM“.

* Ebbene si, anche Michael Stipe fa benza.

* L’uscita a vuoto di Morrissey inizia a scatenare qualche reazione divertita. Come ad esempio Mike Scott dei Waterboys… “It has become a dispiriting ritual on social media that, every few months, Morrissey’s name begins to trend, prompting swathes of music fans to sigh wearily and wonder what the silly idiot has said or done now. Former fan Fiona Sturges has had enough”.

* Copertina dedicata inevitabilmente all’eccitazione da Halloween che tocca ogni anno le celebrities di ogni dove. Nella marea di foto apparse sui social ci piace segnalare Miley Cyrus e il compagno Cody Simpson trasformati per l’occasione in Perri Lister e Billy Idol.

E poi la bella Princess Nokia che appare e ci illumina come Zelda.

E per finire menzione speciale all’attore Paolo Calabresi praticamente identico a Marilyn Manson!