Up & Down #359. E che nessuno si offenda.

285

Non teme le rughe la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Glastonbury ci ha offerto tanto. Una marea di situazioni, episodi, duetti e video che andrebbero affrontate a parte. Una considerazione però ci piace farla a tempo scaduto guardando e soprattutto ascoltando i Charlatans, guidati come sempre da Tim Burgess, oggi diventato una via di mezzo clonata tra Lino Toffolo e Nino D’Angelo. E cioè che il 90% dei frontman dell’era Britpop non sapeva cantare manco per il cazzo. Qui penosamente ci prova nel classico ‘The Only One I Know‘.

A$AP Rocky sulle prime pagine dei giornali per l’ormai nota rissa avvenuta in strada a Stoccolma. L’update ci racconta che l’artista dovrà stare altre due settimane in stato di fermo e per questo al momento il tour mondiale rimane in “pausa”. Mio caro Rocky stiamo in Svezia mica in Italia…

* L’ignoranza non si cura. Patti Smith annuncia il suo centomilionesimo tour in Italia a fine anno (davvero incredibile e ormai quasi record assoluto) e i media per la centomilionesima volta la accolgono come fa IlRestodelCarlino.it: “Patty Smith all’Alighieri di Ravenna, ecco la ‘sacerdotessa’ del rock.

* Ansa.it presenta qualche concertino estivo. Il disco di Liam Gallagher per l’occasione viene storpiato così: “In anteprima l’album Why me? Whay not?…”.

* “Caldo, il rimedio rock di Piero Pelù: la performance casalinga a torso nudo”. Scult dell’estate 2019.

* La maglietta avrebbe meritato miglior sorte. Liam Gallagher viene tinto di marrone senza nessuna pietà per uno scatto che lo fa sembrare come un incazzato 95enne appena uscito dal suo ospizio.

* Ma c’è di peggio. Con tutta la ritrovata simpatia del mondo, foto crollo 2019 dovrebbe senza dubbio spettare a Pete Doherty, qui immortalato dal nostro Nick Matteucci nella sua recente data romana. “Qui si fa” poi piazzato alle spalle (siamo negli spogliatoi di una società di calcio a 5 evidentemente griffata Lazio) sembra un vero e proprio insulto. Grazie a tutti.

[UP]

+ Gary Duncan (The Brogues/Quicksilver Messenger Service).

+ Alan Rogan.

João Gilberto.

* Janet Weiss lascia le Sleater-Kinney. Lettera e risposta.

* Lo sbarco sulla luna compie 50 anni (20 luglio) e quattro giorni prima al Kennedy Space Center di Cape Canaveral si esibiranno in un concerto molto “spaziale” i Duran Duran. La musica sarà infatti accompagnata da uno spettacolo di “drone art”.

* “Bond 25” tra ostacoli e incidenti vari è in lavorazione. A segnare l’iniziale “sfortuna” del ritorno della saga con Daniel Craig, ci si è messa anche Grace Jones, che ha abbandonato il set pochi minuti dopo aver saputo che la sua partecipazione si sarebbe risolta in un breve cameo. Diva.

* Un fan fastidioso come una zanzara. Di quelli che fanno richieste come neanche a un jukebox. Così Johnny Marr invita il ragazzo a salire sul palco e accompagnarlo in ‘This Charming Man‘. Bravo.

* Florence Welch si confessa a “Q”. Il momento è arrivato per prendersi una lunga pausa dall’attività live, non dimenticando i problemi mentali avuti nel recente passato: I’ve been doing it for 10 years, and I’d quite like to experience a different way of life. My whole adult life has been making an album, then going on a tour, in a cycle, and it’s been very punishing for me, mentally and physically. It’s draining. I’m drained. Even in the midst of a full-blown anxiety attack, I can do the show. But my mental health has taken a battering. It used to be that that was a price I was willing to pay. I don’t think I am now. I have to really unravel the anxiety. I can’t stop crying. I can’t dress. I get cyclical negative thinking that gets really dark that says I shouldn’t exist. I go down a hole quite fast. I’m not retiring. I just need to not tour for a good bit. I’ll be back“.

* Stevie Wonder lo annuncia durante il concerto ad Hyde Park. Il leggendario artista americano (oggi 69enne) dovrà sottoporsi ad un trapianto di rene. “So what’s gonna happen is this: I’m going to have surgery. I’m going to have a kidney transplant in September of this year. You ain’t got to hear no rumors about nothing; I told you what’s up. I’m good. I’m all good. I want you to know I came here to give you my love and to thank you for your love”.