Up & Down #340. E che nessuno si offenda.

220

Non teme le liste la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* “I Queen si esibiranno agli Oscar 2019 con Adam Lambert. Notizie che non vorresti mai leggere mentre prendi di mira un piatto caldo di rigatoni alla gricia. E poi la cerimonia degli Oscar che premia ‘Shallow‘ e Rami Malek… delle vere pietre miliari con conseguenza che Studio Aperto e il TG5 continueranno a fare servizi su Lady Gaga e i Queen per altri 3 mesi almeno (tutti i giorni, tutte le edizioni, tutte le santissime sere).

* Rivelazione clamorosa su La Stampa. Finalmente conosciamo il membro segreto dei Pink Floyd: ROBERT Gilmour!

* La vicenda Ryan Adams non si ferma. Purtroppo anche il chitarrista dell’artista americano, Todd Wisenbaker, conferma il profilo di Adams attraverso un alquanto scioccante post Instagram.

* Paolo Giordano colpisce ancora (a vanvera). Su IlGiornale.it il protagonista è Eros Ramazzotti: Ramazzotti, ironia e rock: ‘Il mio giro del mondo con una band fuoriclasse'”. Leggiamo l’articolo: “Merito anche del batterista Eric Moore, autentica macchina da guerra che, suonando per anni il funk hardcore punk Suicidal Tendencies(come se fosse un genere insomma!!!), Il primo è più rock, con Ramazzotti che «assoleggia» con la chitarra in Favola, Stella gemella e Ho bisogno di te…”. Beh da farci davvero un pensiero, sarebbe bello vederlo assoleggiare.

* Su IlGiorno.it il RUOCK confonde le idee e obnubila la mente. Billie Eilish secondo Andrea Spinelli: “Billie Eilish, il futuro del rock in concerto al Fabrique di Milano”. Poi dentro: “Pirate Baird O’Connell è probabilmente l’eroina dell’elettropop più in voga del momento…”. Ma due righe più sotto: “Per la cantante californiana, imperatrice dei social con milioni di followers annidati negli angoli pure più remoti del pianeta, sentirsi definire a soli 17 anni il futuro del rock da un mammasantissima come David Grohl non deve essere stato facile…”. Cose a cazzo insomma.

[UP]

+ Peter Tork (The Monkees).

+ Jackie Shane.

* Little Steven risponde spesso al fuoco di fila di domande che gli vengono inviate via Twitter. Tra queste spicca quella di Mr. Serrano che chiede > “Hey, Stevie, have you ever played with Gilmore or Waters?” e lui saggiamente ribatte > “I am not a fan of Mr. Waters. Syd Barrett was Pink Floyd as far as I’m concerned”. Applausi.

* Posticcio ma sicuramente scoppiettante e divertente. Si prospetta così “The Dirt” il biopic dedicato ai Motley Crue che verrà trasmesso a marzo da Netflix e basato sull’omonimo libro del 2001. Il film è diretto da Jeff Tremaine (JACKASS co-creator, BAD GRANDPA).

* Eddie Van Halen festeggia i 40 anni di carriera, dall’anno del debutto omonimo, lanciando sul mercato le sneaker 1978 High Top. Circa 65 dollari il prezzo.

* Toccante il messaggio via social pubblicato dall’ex-Cure Andy Anderson che rivela la sua terribile malattia: “Hi guy’s, I am and I have Terminal 4 Cancer, and their is no way of returning back from that, it’s totally covering the inside of my body, and I’m totally fine and aware of my situation I’ve gone for a no resuscitation, with that, I have a next of kin, in place and there is no way I would want them to be looking me as a vegetable, if I were to survived a resuscitation, because it may well involve the possibility of sustaining cracked ribs and Brain Damage, and I would hate to lay that on anyone. Chemotherapy and Radiotherapy will be discussed over the next few days, hopefully I’ll be able to get back to get to you in the next few days about the outcome, and please, No Boo, Hooing, here, just be positive, for me it’s just another life Experience and Hurdle, that one has to make yet another Choice in life, be cool, I most definitely am and positive about the situation , well that’s it for now, good folk, and thank you all for the well wishes I love them all, and are held very, very close to my heart dearly, and will stay with me for ever, any way, stay well yourselves and chat soon. Ax”.

* Infiniti applausi a Angus Young che rispondendo ad un appello di un fan (colpito dalla morte di due persone care proprio a causa della devastante malattia), ha donato circa 20mila dollari all’Alzheimer Society of Ontario. Esempio. Per rimanere in tema Angus da ricordare che la Knucklebonz ha realizzato un’edizione limitata in 3mila pezzi di una statuetta dedicata al chitarrista al prezzo di circa 150 dollari.

* La morte di Karl Lagerfeld ha inevitabilmente saturato i social di omaggi, ricordi e tributi. In ambito musicale tantissimi e tra questi ci piace mettere in copertina gli scatti che hanno come protagoniste Cat Power e Miley Cyrus. Quest’ultima scrive: “Karl Lagerfeld 🖤 You will never be forgotten … & forever, you’ll be missed. In recent years, We have and will continue to lose so many legends …. time goes by and inevitably we lose the ones who paved the path before us to thrive . This changes everything …. we have to take responsibility , step in and step up….. we have to use more compassionate resources, we have to sustain, we have to get creative – make something new while honoring the hard work done for us ….. we have to do what pioneers like Karl would want us to do – make big impacts and change the world thru fashion!”.