Up & Down #333. E che nessuno si offenda.

321

Non teme la ripresa la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Sono passate le 2. Il 2019 è appena iniziato. Qualche “botto” ancora in lontananza. Serenità, pancia piena, sorrisi. Su Rai 1 avviene l’impoderabile: i Jalisse (!!!) che cantano da Matera un pezzo dei Blondie. Uccellacci neri. A spese nostre.

* Corriere.it nella sezione romana ci fa ben sperare per l’anno nuovo: “Subsonica, Ed Sheeran, Muse. Nella Capitale arriva un 2019 a tutto rock. Ma allora scopriamoli questi artisti dediti al RUOCK. Vai Marco Andreetti, vai. “Anche Francesco De Gregori, Calcutta, Thegiornalisti, Giorgio Moroder, Kraftewer, Ultimo e Sfera Ebbasta…”. Dentro l’articolo-elenco ecco le divisioni per generi, dopo i cantautori tocca a “Rap e elettronica“: “Ad aprile le due date di Thegiornalisti […] tra gli appuntamenti più attesi dell’estate c’è Ed Sheeran… Take That… Mark Knopfler… Stefano Bollani…”. Chiaro no? Buon anno.

* Scompare Steve Ripley e su IlMessaggero.it non c’è vergogna, non c’è speranza, non c’è nessuno che controlli i testi, non ci sono soldi evidentemente, non c’è interesse. “E’ morto Steve Ripley, chitarrista e cantante dei Tructors: aveva 69 anni”. Peccato che il gruppo si chiami TRACTORS.

* Brian Warner compie 50 anni. E su Vanityfair.it Francesca Pellegrini fa sfoggio di luoghi comuni come se non ci fosse un domani. “50 anni di Marilyn Manson: tutti gli scandali del «Reverendo del rock», “… i momenti più controversi di sempre dell’uomo nero del rock…”, “…  lo «shock rocker» svolta nell’estate del 1993…”. In 20 righe può anche bastare.

* La morte di Pegi Young su Repubblica.it segna un nuovo capitolo di grande vergogna e ridicolo per la testata giornalistica (!). … e concepirà Ben e HARPER. Invece di AMBER! Insomma Ben Harper è figlio a Neil Young.

[UP]

+ Ray Sawyer (Dr. Hook & the Medicine Show).

+ Dean Ford (Marmalade).

+ Shane Bisnett (Ice Nine Kills).

+ Daryl Dragon (The Captain & Tennille, backup musician per i Beach Boys).

+ Steve Ripley (Tractors/Bob Dylan).

+ Eric Haydock (The Hollies).

+ Pegi Young.

* Fossero tutti così i preti. IlMattino.it racconta la storia di Don Salvatore, il prete rock che vende Lp per la sua chiesa. “… E, nel campionario, ci sono rarità da autentici buongustai della musica, ignoti nei tempi decadenti del trap: i vinili di «Love You Live» dei Rolling Stones (1977), «Abraxas» di Santana (1970), «The B.B. King Story», una doppia compilation di uno dei più grandi tra i bluesman d’ogni tempo (1980) e poi John Coltrane, Buddy Guy, Nine Below Zero, Jethro Tull. E, soprattutto, «Nursery Cryme» e «Foxtrot» dei Genesis…”.

* “Renton post office renamed to honor Jimi Hendrix. The James Marshall Jimi Hendrix Post Office is less than a mile from where the legendary guitarist is buried in Greenwood Memorial Park cemetery”. Dalle pagine del Seattle Times la curiosa notizia.

* In alto i cuori. Si chiama “Elvis From Hell” il nuovo docufilm che ha come protagonista principale il compianto Jeffrey Lee Pierce e la sua seminale band The Gun Club. La data d’uscita prevista è il 2020. Il film è una co-produzione USA/Germania e sarà diretto dalla coppia Heiko Lange (B-Movie: Lust and Sound in West Berlin) e Jessica Andree (The Noise of Cairo). It will feature original interviews with the likes of Cave, Harry, Jack White, who has said Pierce’s songs “should be taught in school”, Jim Jarmusch, Iggy Pop, Mark Lanegan, Moby and Kid Congo Powers as well as never-before-seen archival footage and reenactments. Hollywood star Johnny Depp is also a massive fan, who has previously called The Gun Club his “favourite band”.

* Il toccante tributo di Neil Young a Pegi.

SUCH A WOMAN: PEGI YOUNG 1952-2019

You are such a woman to me / And I love you / 
Our love will live / Until the end of all time 

No one else can kill me like you do / 
No one else can fill me like you do / And no, no one else can feel our pain

Love is a healer / And I love you

No one else can kill me like you do / No one else can fill me like you do

Love is a healer / And I love you

You are such a woman to me

ny

Thanks Pegi, for being such a wonderful mother to our children. 

You live inside of them and the many you have touched. 01-05-19

* Gli auguri per il 2019 hanno monopolizzato i social. Niente di eccezionale ma ne scegliamo un paio giusto per non farci mancare niente. Il saluto di Yoko Ono in mezzo al figlio Sean e a Les Claypool + la copertina che viene “vinta” dallo splendido scatto di Flea: Playing the sun down for the last setting of the year. A year of profound sadness, and the most meaningful joy. Wishing deep love for all.