Up & Down #331. E che nessuno si offenda.

476

Non teme i panettoni chimici la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Andiamo verso il 2020 eppure sulla prima pagina del Corriere.it ancora c’è gente che scrive male i nomi degli artisti, il nome dei Rolling StoneS! Titoletto del video: “Durante l’ultima tappa del suo tour mentre concedeva qualche bis al pubblico accanto a McCartney è arrivato anche Ringo Starr e Ron Wood, chitarrista dei Rolling Stone e dentro “… sul palco cono arrivati anche Ringo Starr e Ron Wood, chitarrista dei Rolling Stone. Malimortaccivostra.

* Rimaniamo sulle stesse pagine dove il supereroe Andrea Laffranchi intervista Manuel Agnelli lanciandolo così: Il rocker per la prima volta in tour senza gli Afterhours: «Contatto intimo con i fan»”. RUOCKER. Amen.

* Su Tgcom24.it ci proiettiamo alla fine dell’anno. “La Romagna promette un Capodanno rock”. Benissimo andiamo a leggere grazie a chi sarà RUOCK: Un Capodanno rock – Il Capodanno in Romagna allora è rock quando i dj suonano dove nessuno potrebbe aspettarselo: a Rimini Marco Rissa dei Thegiornalisti sale in consolle sul palco di un teatro verdiano che guarda un castello rinascimentale, a Cervia si balla sotto una Torre del ‘600 e a Cesenatico mentre ci si specchia sul porto progettato da Leonardo. La Romagna è anche i grandi concerti di piazza, prima e dopo Capodanno: il 31 dicembre saranno protagonisti Nek a Rimini, Cheryl Porter a Ravenna, Enrico Ruggeri e Baby K. a Bellaria, gli Africa Unite a Santarcangelo, mentre Riccione mette in campo i Måneskin il 30 dicembre e i The Kolors insieme a Irama il primo giorno dell’anno“. Tutto chiaro.

* Classico articolo riempi pista su Sette del Corriere.it che titola “Amici nel rock: come note sullo stesso spartito”. Poi Massimo Cotto illumina.

* La malattia si propaga, è ovunque. Ansa.it racconta “Masterchef, Locatelli nuovo giudice rock’n’roll.

* Gazzetta.it si allinea: “Andrew Howe, l’atleta rock: ‘Tra musica e libri cult sono rinato'”.

* Virginradio.it e il solito ABC destinato agli Under 10: “SLASH: ‘IL ROCK STA DIVENTANDO UNA NOIOSA POZZANGHERA PIENA DI DISPERAZIONE. IL FUTURO? I GRETA VAN FLEET!”. Certo come no.

Rai 1, Sanremo Giovani. C’è uno, uguale a tutti gli altri, che canta una canzone uguale a tutte le altre, che si fa chiamare Cannella (!!!). Luca Barbarossa gli chiede: “Il disco che ti ha folgorato da piccolo?”“Beh sicuramente quello di Giorgia”. Era meglio Mammella.

* Restiamo in tema sanremese. Svelati i 24 “BIG” in gara che si daranno battaglia a febbraio sul palco dell’Ariston. La kermesse canora, grazie a Claudio Baglioni, è ormai stata rivalutata un po’ da tutti. Anche da quelli che fino a ieri facevano della feroce ironia social, cronache via Twitter, classifiche del peggio del peggio, da quelli che dichiaravano convinti “io Sanremo non l’ho mai visto”. Sono bastate due edizioni con qualche presenza “indie” a far balzare in alto le quotazioni del festival. Così anche quest’anno assisteremo al duopolio Regno De Filippi vs Altra Italia Rai. Dalla grande cappella della prima arrivano: Briga, Irama, Einar, Federica Carta e tutti gli altri che come ospiti fissi o giudici orbitano o hanno orbitato intorno al pianeta “Amici” (Paola Turci, Francesco Renga, Nek, Loredana Bertè…). Pianeta che nella giuria di Sanremo Giovani aveva comunque Annalisa (!) e la fedelissima Fiorella Mannoia. Insomma la solita divisione dei beni. Ma quanto sarà strafigo vedere Motta e gli Zen Circus (“Ai tempi degli Afterhours ci fu l’assalto all’arma bianca, ma sono cambiate le cose. L’indie è stato sdoganato e il nostro è un pubblico bello con lo spirito di una famiglia, come quella dei Nomadi), gli Ex-Otago e Ghemon? Sanremo? Non ho mai perso un’edizione!

[UP]

+ Anca Pop.

+ Gianni Pantaloni (Growing Concern).

* I 75 anni di Keith Richards.

Jacqueline Louise Fuchs ovvero Jackie Fox bassista delle Runaways che furono. Da tempo scrittrice e procuratrice, non nuova a partecipazioni a giochi televisivi. Infatti dopo le apparizioni ai quiz “The Chase” e “Who Wants to Be a Millionaire” eccola riapparire come concorrente nel gioco “Jeopardy!”. Campionessa in carica ha già vinto oltre 34mila dollari.

* Uno splendido documentario – “Unfinished Plan. The Path of Alain Johannes” – che racconta le “gesta” di un grande musicista, produttore, multistrumentista, fondatore degli Eleven e collaboratore tra i tantissimi anche di Queens of the Stone Age, Them Crooked Vultures, PJ Harvey, Chris Cornell, Arctic Monkeys, Mark Lanegan. “Alain Johannes is a musician born in Chile and part of one of the most influential generations in rock music. This poignant story, narrated by Chris Cornell and Josh Homme amongst others, was tragically overshadowed by the death of Natasha Shneider, his wife and musical partner in the band Eleven. The existential void left by her loss pushed him into a musical journey that takes him back to his country of origin after 45 years”.

* Copertina dedicata allo scatto postato da Courtney Love sui social che la vede a New York insieme a Michael Stipe. “Michael Stipe loveliest man in all of Manhattan…”. E Buon Natale.