Up & Down #330. E che nessuno si offenda.

339

Non teme il mercimonio natalizio la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Scorpions in Italia. Ed è subito sparare a cazzo. “Tra i gruppi più influenti della storia del rock…” (Ansa.it e tutti i copia-incolla a seguire). Certo come no.

* Su Liberi Tutti dentro Corriere.it anche il Natale diventa RUOCK. Titolo: Dalle pettinature rock per Natale ai gioielli per la testa a Capodanno…”. E poi come non accostare la parola ai Queen (che strazio, che palle): Il Natale è rock. La festa più tradizionale che esista (con i suoi riti e il suo bon ton) può diventare anche più «accesa». La colonna sonora potrebbe essere «Thank God it’s Christmas», canzone dei Queen scritta da Brian May e Roger Taylor con la straordinaria voce di Freddie Mercury. E rock’n’roll è proprio lo stile da interpretare per il 25 dicembre. E mi illumino di immenso.

* Ma la malattia non è ovviamente curabile. Su Huffingtonpost.it si parla di cinema: Svolta rock per il David di Donatello ‘del cambiamento’: nuova giuria, nuovo sistema di voto, nuovo premio”. Rock? Ecco perchè: “… ha deciso di ringiovanirsi in qualche modo, di farsi un nuovo look, di diventare più rock, come già preannunciato dal video/trailer mostrato questa mattina alla stampa con sottofondo musicale la celebre canzone We will rock you dei Queen. I Queen, emblema del RUOCK nazionalpopolare, dell’ABC, dell’ignoranza.

* Disavventura tristissima per Peter Murphy durante uno show dei Bauhaus a Stoccolma. La foto parla chiaro come il racconto del quotidiano locale Dagens Nyheter: “The world-famous goth rock star Peter Murphy, 61, was thrown out by organizers from his concert at Nalen in Stockholm on Wednesday night. The rejection was preceded by throwing bottles from scene that injured a concert visitor in the face. When Murphy threw out, he ended up fighting with the guards.

* E anche Sportweek (Gazzetta dello Sport) diventa magicamente “RUOCK”. La generazione presa in esame è quella che segnerà la strada. Apri e l’editoriale parla chiaro “Questa settimana ci sentiamo… Rock!”.

* Barbara Visentin su Corriere.it ci racconta gli Imagine Dragons. “Imagine Dragons: il rock è antiquato e dentro le rivelazioni: “Dieci anni dopo, questi trentenni affiatati e gentili sono una delle band che stanno riscrivendo le regole del rock. Dopo una sonora risata contiamo insieme: “un’attitudine molto rock…  la parola rock è coperta da una patina di vecchio… una nuova estetica rock…”. Molto bene.

[UP]

+ Nancy Wilson (jazz singer).

+ Joe Osborn (Wrecking Crew).

* La discussione e la polemica sulla questione “Israele” non si placano. Torna sull’argomento Nick Cave che “spiega” e risponde a Brian Eno (critico sul concerto dei Bad Seeds a Tel Aviv) riaffermando la sua posizione che è all’opposizione rispetto al boicottaggio culturale nei confronti appunto di Israele. “What are your thoughts on Brian Eno’s stance on Israel?“.

* Verrà pubblicata il 9 marzo via Melodic Virtue Publishing “Butthole Surfers: What Does Regret Mean?“, la storia ufficiale della geniale band americana scritta da Aaron Tanner. “The book is a visual history of the band since its inception in 1981 until the present day, and includes interviews from members of Ministry, Pavement, GWAR, and more. Available as a limited edition, including a flexi disk of an unreleased track”.

* Copertina che arriva direttamente dalla foresta social. Lo scatto curioso vede insieme Josh T. Pearson e Dave Gahan. La mano che ha fatto click è quella di Jennifer Sklias-Gahan. “Dude! Josh T. Pearson. Just joshin’. Dave freaking Gahan!!! How cool. Still the sexiest man in all of rock-n-roll. Dave I mean. Everything’s awesome! Life’s great”.