Up & Down #320. E che nessuno si offenda.

336

Non teme la calca la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Loredana Berté: Sono folle, ma nella mia follia sono rock”. Notizie che non vorresti mai leggere mentre cammini sotto la pioggia pensando al prossimo bar da visitare.

* “X Factor, ora è ufficiale: al posto di Asia Argento arriva Lodo Guenzi. I miracolati non si fermano mai. Come la mediocrità tutta italiana.

* Quando senti parlare di reunion e già stai male. Quando poi della reunion sono protagoniste formazioni che non avrebbero il diritto di riformarsi avendo perso nel tempo una parte troppo importante, fondamentale, nodale (il mondo ne è pieno: dai Thin Lizzy ai Queen, dagli Alice In Chains ai Doors, dai Motorhead a chi volete voi). Quando alla fine a riformarsi (!) sono band come i Nirvana anche se solo per uno show. E il ricordo diventa subito tribute band.

* Il batterista Orri Páll Dýrason non fa più parte dei Sigur Ros. Lo split avviene in conseguenza alle accuse di violenza sessuale formulate nei suoi confronti dalla musicista Meagan Boyd (conosciuta come Yin Shadowz). L’episodio risalirebbe al 2013 e sarebbe avvenuto a Los Angeles. Ecco il comunicato della band con il quale si separa ufficialmente dal musicista dopo 19 anni. “In the wake of the extremely serious and personal allegations made against him in recent days we have today accepted the resignation of our bandmate Orri Páll Dyrason to allow him to deal with this privately. Jónsi & Georg”.

* Quando non c’è si sente la mancanza. La rubrica degli eventi live di Fabrizio Zampa su IlMessaggero.it torna prepotentemente su queste pagine con i Wire e la solita confusione figlia di un assoluto disorientamento giornalistico e letterario. “E’ dal 1976, o se preferite da 42 anni, che la band britanica dei Wire porta alta nel cielo la bandiera del punk e di quella che poi sarebbe diventata la new wave post-punk. Più avanti si tocca il TOP: “Fu da quei primi tentativi che poi nacque il gruppo, ancora oggi quotatissimo anche se nel tempo ha attraversato fasi molto alterne, come al solito fra rotture, ricongiungimenti, nuove rotture, nuovo ritorno in scena dopo l’ennesimo breack del 2004 e la successiva riconciliazione: ma di queste storie c’è poco da stupirsi, visto che il punk è selvatico di natura, come i suoi esponenti. Finale: “Ma nonostante la movimentata carriera la matura formazione londinese suona, lo fa bene e dopo averne combinate di tutti i colori ha un’insospettabile energia. R-I-D-I-C-O-L-O!!!

* Sempre su IlMessaggero.it viene data notizia della moneta da 50 centesimi di dollaro coniata in Australia per celebrare i 45 anni di carriera degli AC/DC. In un impeto di rock a cazzo di cane: “Formatisi a Sydney nel 1973, gli AC/DC sono tra i gruppi di maggior successo internazionale nella storia del rock, suonando un hard rock fortemente influenzato dal blues rock e dal rock and roll. Sbem! Stesse parole copia-incollate anche per IlGazzettino.it

* Sempre ricchi di spunti i quiz televisivi. Siamo nuovamente a “Caduta Libera” (Canale 5) e la concorrente si impantana sui Clash rispondendo… CRASH!

[UP]

+ Charles Aznavour.

+ Stelvio Cipriani.

Jerry González.

+ John Wicks (The Records).

* Almeno si sono dati al caffè. I Korn lanciano la personale miscela con tanto di tazza a supporto. “We are excited to announce Korn Koffee. Korn has collaborated with J Gursey Coffee to bring you a unique blend of beans worthy of the most die-hard coffee fans”.

* Ritroviamo in UP gli AC/DC che vengono come detto celebrati per i loro 45 anni di carriera con una moneta da 50 centesimi di dollaro coniata dalla Royal Australian Mint. Trecentomila gli esemplari diffusi.

* Tanti auguri a Billy Corgan e Chloe Mendel. In casa è arrivato infatti il secondo figlio Philomena Clementine. Si Instagram è lo stesso Corgan ad annunciare la lieta novella: “Please welcome PHILOMENA CLEMENTINE CORGAN, the latest addition to our family! Pictured here with her brother, Augustus Juppiter, this makes 8, counting Chloe, Angelface, Diamondbaby, Chin Chin, Ling Ling and yours truly. I”m so lucky to have a great partner in @chloemendel, who juggled raising our son, pregnancy with Philomena, whilst building her fashion line (@maisonatia) and navigating my being gone so much with SP in 2018. Oh, and then there’s wrestling!! What a year!”.

* Il legame tra Morrissey e i New York Dolls è noto. A distanza di anni il tutto torna in una foto che arriva proprio da New York e ritrae David Joahansen davanti ad un disegno “particolare”.

* Rimaniamo a NY perchè è stata riaperta la stazione della metropolitana 72nd St B/C nell’Upper West Side dopo lavori di restauro. Segnaletica nuova, sedili nuovi e un murale opera di Yoko Ono: “it’s titled ‘Sky’ and features six mosaic panels that are throughout the station featuring images of the sky along with phrases like ‘imagine peace’, ‘dream’, ‘remember love’ and more”.

* In rosso era già finita la notizia qualche settimana fa. A Seattle (precisamente al Museum of Pop Culture) è stata scoperta la statua dedicata a Chris Cornell. “The life-size statue was commissioned by Cornell’s wife Vicky and designed by artist Nick Marra. Featuring his signature boots, dog tag, long locks, and Gibson Memphis guitar, the statue will be on display at the Museum of Pop Culture for all of his fans to see”.

* Auguri a Ozzy Osbourne costretto a due giorni di ricovero al Cedars-Sinai Hospital di Los Angeles. Il vecchio Ozzy ha infatti subito un intervento alla mano per una non specificata infezione. Lui ovviamente ci scherza su: “Feeling better after surgery. Ice cream helps”.