Up & Down #299. E che nessuno si offenda.

359

Non teme gli autogol la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* “Eurovision 2018, vince Israele con Netta. Ermal Meta e Fabrizio Moro arrivano quinti”. Ah ah ah… i grandi favoriti.

* Liberato. Purtroppo.

* Young Signorino fa il suo esordio meritato nei Nuovi Mostri a Striscia la Notizia. Il minimo per uno dei massimi punti di regressione toccati dalla nostra “musica”.

* Ci risiamo. Dopo qualche settimana di tranquillità la rubrica di Fabrizio Zampa su IlMessaggero.it torna a far sanguinare gli occhi. Banalità wikipediane riassunte per under 14. La presentazione del concerto dei God Is An Astronaut (ancora!) è da leggere tutta d’un fiato. Poi tocca ai Lords Of Altamont: “… formazione tra garage, psichedelia e punk...” e subito sotto “Niente sangue per i nostri Lords, la cui missione è semplice: tenere in vita con il loro rock fortemente tinto di punk…”, ma non basta e chiudiamo alla grande dimostrando idee chiarissime > “…  chitarre urlanti (ma attenzione, quanto a tecnica sono ottimi musicisti), hard rock, glam, uno sguardo al passato attento a stili e sound d’annata che la band rielabora e modernizza. Insomma, un rock brillante e assai coinvolgente. Il metal poi si tinge di ridicolo: “Serata metallica al club di via Prenestina, con quattro formazioni che in altri tempi sarebbero state definite brutte, sporche e cattive.

* Rimaniamo sulla prestigiosa testata capitolina. Il titolo introduce la solita minestra: “Mudhoney, torna in Italia la band portabandiera del grunge: a Roma il 22 novembre”. E dentro: Da trent’anni portabandiera del grunge americano…”.

* Uno strazio. I concerti dei Foo Fighters sono ormai a livello di una sagra paesana. Una tappa un siparietto. Dal giovane chitarrista pittato come Gene Simmons che ruba la scena sul palco a Austin al piccolo batterista che insieme al padre si siede dietro il drum kit a Nashville. Dalla promessa di matrimonio di due fan in mezzo alla folla alle ospitate improbabili (John Travolta, Rick Astley, la figlia di Grohl…). Insomma tra la Corrida e il Circo Togni, superate in tristezza anche le parentesi tanto care a Bruce Springsteen. Zero.

* Per caso ti imbatti in una delle ultime puntate della quinta edizione del Saturday Night Live Italia. Per la prima volta su TV8 e per la prima volta conduzione affidata per tutte le puntate (6) ad un unico “conduttore”: Claudio Bisio. Una maschera impossibile, un mistero doloroso, un attore tremendo, un comico che forse non ha mai fatto ridere. Le solite gag alla Zelig e il confronto con la versione originale impietoso. Inutile.

* Il tech billionaire Elon Musk e Grimes sembra siano ormai una coppia. Sono apparsi insieme infatti al Met Gala scatenando subito pruriti gossippari. Troppo brutti per essere veri.

* Finale di Champions il 26 maggio che combacia con un concerto? Ovvio, si sposta la data dello show. Gli Echo and the Bunnymen non ci pensano due volte. “We’re really sorry but we are going to switch the Birmingham Symphony Hall show on Saturday 26th May. The show will move to Tuesday 29th May all original tickets will be valid for the rescheduled show. Both our fans and Liverpool FC are very close to our hearts and after much reflection we decided we couldn’t play a show during the Champions League Final. We asked UEFA to change the date of the match but they denied our request. We would always want to give 100% when we play but in this instance our heads wouldn’t have been in the right place. We sincerely hope you understand”. Tutto il mondo è paese(llo).

Passano però solo 24 ore e a causa delle numerose “pernacchie” ricevute, la band ripristina lo show: “A message to our fans about our Birmingham show: Our Birmingham Symphony Hall show will now still go ahead on the original scheduled date of Saturday 26th May. We’ve decided to reverse our decision to change the show date following our fans reaction to last night’s social media announcement. Mac and Will are deeply upset about the situation and are really sorry for any unnecessary disappointment caused”. Doppio zero.

[UP]

* Scott Hutchison (Frightened Rabbit).

* Nel giorno della festa della mamma sono stati tantissimi i post social nel mondo musicale che hanno tributato la ricorrenza. Tra tutti abbiamo scelto quello di Lenny Kravitz che ricorda con una foto meravigliosa la sua amata madre, l’attrice Roxie Roker (la Helen Willis dei “Jeffersons”) mancata purtroppo nel 1995. “Happy Mother’s Day Mama. Thinking of you always..”.