Up & Down #292. E che nessuno si offenda.

434

Non teme le ex-coalizioni la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Angus Young Reportedly Reveals If AC/DC Is Making New Album With Axl Rose. Notizie che non vorresti mai leggere mentre ti sporchi con un bignè di San Giuseppe gonfiato ad arte.

* Una delle peggiori idee musicali degli ultimi anni. Matt Bellamy e Miles Kane che chiudono il weekend del SXSW Festival cimentandosi in una sorta di cover band dei Beatles. Zero.

* L’incredibile verve di Costantino Della Gherardesca le corna al cielo e i giubbotti a mezze maniche (2018!), i gorgheggi vocali da pub di vecchia periferia, la non diretta che appiattisce tutto. Un grande ritorno su Rai 2 per

* Gli appuntamenti live di Fabrizio Zampa su IlMessaggero.it ci regalano sempre qualcosa di emozionante. Siamo a lunedì 19 marzo. Alla voce concerto di Wrongonyou: “Wrongonyou, per non perdere l’abitudine di muoversi, parteciperà al festival SXSW, South by Southwest, che si tiene a Austin, Texas, da più di trent’anni”. Peccato che in Texas il cantautore si sia (già) esibito il 16 marzo.

* Home Festival annuncia i primi nomi e LaStampa.it è certa: “L’Home Festival 2018 aprirà a suon di rock: si parte con gli Alt-J”. Più sotto già sono trasformati: “toccherà all’alternative rock degli Alt-J”. Idee chiare.

* Ma il piatto forte è il ritorno in Italia di Thom Yorke. Esilarante LaRepubblica.it sezione Firenze: “La voce dei Radiohead con un live mix insieme a Nigel Goldrich e i visual di Tari Barri. Peccato che sia Godrich e Tarik Barri. Della serie ma de che cazzo staremo a parlà?

* Repubblica.it sezione Roma torna all’antico: “La rassegna dell’estate sul palco della Cavea chiama in scena altri grandi calibri del rock. Pietro D’Ottavio prosegue: “Steven Tyler, voce degli Aerosmith e leggenda del rock anche in proprio…”. E ancora. ” Infatti l’artista è atteso il 27 luglio con la band Nashville The Loving Mary, sestetto di Nashville…”.

* Tre date anche per Steven Tyler e nel titolo Triesteprima.it ricorda quali siano gli altri ospiti di Live In Trieste: “Steven Tyler in concerto: il leader degli Aerosmith a luglio in Piazza Unità. Dopo gli annunci dei primi due grandi live dell’estate con protagonisti i fenomeni metal Iron Maiden”. Cioè?

* Differenze. Ti imbatti in una compiuta e intelligente intervista (cosa rara oggi trovarne una così) a Jack White ad opera di Luca Valtorta su Repubblica.it e appena hai finito clicchi su Corriere.it dove il mitico (!) Andrea Laffranchi nel suo compitino aziendale fa lo stesso con i Baustelle. Banalità italiote tra domande e rispostine. Allora non è bestemmia affermare che anche stavolta Jack White ci salverà.

* Rimaniamo sul nostro quotidiano preferito (!!!) Repubblica.it e ritorniamo sul “fenomeno” Maneskin. Che loro malgrado sono diventati il fenomeno da baraccone del paesello musicalmente terzomondista. Luigi Bolognini ci fa volare nello spazio: “… più non poche madri, ma non del genere malcapitate, anzi agguerritissime, visto quanto il cantante Damiano è concupito dalle milf. “… e il chitarrista Thomas con una giacca di velluto rosso, ma col petto nudo sotto…. “Per esempio, a Roma saremo all’Atlantic (si al cinema!). “…  a cominciare dal cantante Damiano David, che per motivi misteriosi anche a lui stesso (“mi limito a prendere e portare a casa”) fa impazzire il sesso femminile di qualunque età. “… sul quale Damiano si esibisce, solo con stivaloni e mutande, nella pole dance, arrampicandosi e dimenandosi sul palo e facendo sbavare le madri di famiglia, e le figlie, che se potessero ci si tufferebbero addosso. Siamo vicini allo scult dell’anno e se fossi il direttore ad un licenziamento in tronco.

* Nel giorno dei 50 anni di Damon Albarn arriva a spezzare gli equilibri l’annuncio dei 50 anni del nostro Massimo Di Cataldo (grande festa al Piper prossimamente). Della serie “questioni di GAP”.

[UP]

Kak Channthy (The Cambodian Space Project).

Peter “Mars” Cowling (Pat Travers Band).

* Shawn Elliott (Capitalist Casualties).

* Dal 18 maggio al 22 aprile 2019. Apre al Museum of Liverpool la straordinaria mostra “Double Fantasy – John & Yoko“. “Is a free exhibition, celebrating the meeting of two of the world’s most creative artists who expressed their deep and powerful love for one another through their art, music and film. They used their fame and influence to campaign for peace and human rights across the world, transforming not only their own lives, but art, music and activism forever. Featuring personal objects alongside art, music and film produced by John and Yoko, the exhibition is drawn from Yoko’s own private collection, some of which has never been displayed”.

* Il caso Facebook non arresta l’eco del mezzo sgomento globale. I Massive Attack ad esempio comunicano che: “In light of FB’s continued disregard for your privacy, their lack of transparency and disregard for accountability – Massive Attack will be temporarily withdrawing from FB. We sincerely hope they change their policies around these issues. Thank you all for your support. Go to massiveattack.com for updates”.

* Curiosità divertenti che lasciano (certo) il tempo che trovano. In mezzo ci sono Università prestigiose, ricercatori, social media, esperti, psicometria, psicologia. Insomma: “What Your Facebook ‘Likes’ Say About Your Personality”. Il risultato? Leggete da voi e “attenti” agli Smiths!

* “One of my best friends was killed in gun violence right around here so it’s  important to me”. Anche Paul McCartney a manifestare (ricordando John Lennon) insieme a mezzo mondo nell’ormai tradizionale “March of Our Lives”. Nella speranza che l’uso delle armi possa presto essere regolamentato affinchè non accadano più tragici episodi di violenza. Tra le tantissime “very important person” coinvolte attivamente nelle varie marce di protesta abbiamo visto anche Lady Gaga, Wayne Coyne, Miley Cyrus, Ariana Grande, George Clooney, la famiglia West, Common e tantissimi altri. Bravi.