Up & Down #279. E che nessuno si offenda.

494

Non teme il glutine la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Ed Sheeran il più cercato su Shazam nel 2017″. Notizie che non vorresti mai leggere prima dell’ennesima pappatoia natalizia.

* Liam Gallagher via Twitter manda gli auguri al fratello Noel sottolineando come sia stata fatta “la pace” dopo anni di insulti, frecciate e cattiverie (presunte). Scusate ma anche se è Natale ci prendiamo la libertà di urlare che non ce ne frega un cazzo.

* I QOTSA tornano in Italia e LaNazione.it ha le idee chiarissime: “La band di alternative rock statunitense sul palco il 23 giugno”. Ma Larena.it copia e rilancia: “Ci sarà anche una delle band più importanti dell’alternative rock internazionale. Ansa.it come sempre sentenzia: “Band alternative rock in concerto il 23 giugno”. Parlare male. Parlare antico.

* Repubblica.it e la testa d’ariete Gino Castaldo: “Lo Stato Sociale: l’ironia rock in memoria delle stragi del Mediterraneo”. Rock anche a Natale. Rock sempre. Unico vocabolo conosciuto dall’umano(ide). Lo stato più che sociale è precario.

[UP]

* Leo Welch.

* Vincent Nguini (Paul Simon).

* Keely Smith.

* Combat Jack (Reggie Ossé).

Pam the Funkstress (The Coup).

* Pronto il prossimo mese (10 gennaio > Sky Arts) un nuovo documentario che racconta i celebri Hansa Studios di Berlino. “Hansa Studios: By The Wall 1976-90” è diretto da Mike Christie. The iconic Hansa Studio is situated in Berlin’s Potsdamer Platz – virtually alone in a wasteland in West Berlin during the 1970s and 80s, mere metres from where the Berlin Wall once stood and at the very edge of the western world. Within its walls, David Bowie created his timeless 1977 albums Low and Heroes – records made in collaboration with Brian Eno. It was during this Hansa period that the phrase was coined, ‘There’s Old Wave. There’s New Wave. And there’s David Bowie’”.

* 50 anni da festeggiare nel 2018. I Led Zeppelin annunciano l’uscita di un libro illustrato che verrà pubblicato dalla Reel Art Press. “Led Zeppelin is pleased to announce that Jimmy Page, Robert Plant and John Paul Jones are collaborating with Reel Art Press to publish the official illustrated book celebrating 50 years since the formation of the group”.

* Anno nuovo libro che arriva anche per Brett Anderson. “Coal Black Mornings” uscirà il 1 marzo per la Little Brown (circa 18 sterline il prezzo): “Coal Black Mornings he traces the journey that took him from a childhood as ‘a snotty, sniffy, slightly maudlin sort of boy raised on Salad Cream and milky tea and cheap meat’ to becoming founder and lead singer of Suede”. Il 2018 verrà celebrato anche il disco di debutto dei Suede che compie 25 anni.

* Complimenti all’armonicista Fabrizio Poggi che viene candidato ai Grammy Awards 2018 nella categoria “Best Traditional Blues Album”.

* Tanti applausi a James Hatfield che, a nome della fondazione All Within My Hands (fondata a inizio anno dai Metallica), ha fatto visita ai dipartimenti di polizia e vigili del fuoco di Vail (Colorado) donando regali in pieno spirito natalizio. “The organization, whose mission statement describes a dedication to creating sustainable communities by supporting workforce education, the fight against hunger and other critical local services, uses donations to partner with a cross-section of national and local charities…”.

* Copertina d’obbligo per la Third Man Records che annuncia attraverso una foto bellissima annuncia via social: “We signed our first rapper. Stay close”.