Up & Down #254

355

Non teme i 220 mila la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Tony Iommi’s Album Project With Brian May Could Still Happen”. Notizie che non vorresti mai leggere mentre fai colazione assieme ai gradi percepiti.

* Il grande spettacolo modenese ha monopolizzato il weekend, i social e soprattutto la TV, la nostra grande ammiraglia Rai 1. Che ha mandato in onda parte delle 4 ore di concerto “coperte” da Paolo Bonolis e dai suoi autori. Non vogliamo necessariamente circolettare di marrone Vasco Rossi (anzi si, a causa del repertorio post-1983, del look e degli arrangiamenti metallaracci post-1983) ma tutto ciò che gli ha ruotato vertiginosamente attorno in questi giorni. Dicevamo del conduttore logorroico. Protagonista assoluto ha trasformato l’evento in Retorica Park. Vestito come sempre di merda, Bonolis ha letto (e anche male) il copione ordito assieme ai fidi compari Marco Salvati, Sergio Rubino e Massimo Martelli per dare una “lettura” alle canzoni. Il risultato è stato che Bonolis dentro quel finto studio radiofonico sembrava Stefano Accorsi invecchiato in “Radio Freccia 7”. “Per me l’evento non è quello del Parco Ferrari di Modena, ma è stato il giorno in cui – ascoltando le sue canzoni – ho sentito la forza del rock italiano”. Bene così. E ancora “Per una sera Modena capitale mondiale del rock“. Luoghi comuni, rock come se piovesse, sentimentalismo spiccio, filosofia da autogrill. E la chicca totale consumata prima dell’entrata sul palco di Gaetano Curreri. Il Bonolis lo accompagna fin dietro le “quinte”, gli dice: “ti vedo tranquillo…” e il leader degli Stadio risponde: “si insomma ma dentro…”, e il forbito conduttore: “e invece dentro ciai l’infarto…”, dimenticando forse che nel 2003 l’artista fu colpito da un ictus durante un concerto in Sicilia. Il fuori luogo fatto a persona. Tutto è bene quel che finisce bene a colpi di “non ci chiuderanno in casa”, “non abbiamo paura”, “no alla paura”. Al prossimo record.

* Piccolo ma divertente refuso sul Corriere.it con Ed Sheeran sparato al femminile nel lancio dell’articolo sui rifiuti post-Glastonbury. Rifiuti appunto.

* Poi come sempre avviene di peggio. Sempre su Corriere.it nella sezione moda: Jeans rock, il nuovo John Richmond torna in passerella a Milano di Gian Luca Bauzano. Detto che la trovata del pantalone con il plettro nel micro taschino non l’ha certo inventata Richmond (personalmente ho un paio di April 77 vecchi di almeno 10 anni), saltano agli occhi alcuni errori diciamo così… di battuta (!). “L’anima “rockettara” del John Richmond musicista & stilista che crea il guardaroba per Dave Stuart degli Eurythmics in tour, vibra nel chiodo nero da uomo «ispirato a quello realizzato al mio debutto nel 1987»; ma anche in quello da donna in pelle e pizzo. Stampe e ancora stampe: sono i dragoni, non (solo) strizzatina d’occhio al mercato cinese, ma citazione dichiarata dal “dragon suit” esibito on the stage dal Jimmy Page, chitarrista di Led Zeppelin. Cosette dai.

* Davvero esilarante il titolo del pezzo che TV Sorrisi e Canzoni dedica a Donatella Rettore (rivampata anche grazie alla prossima partecipazione a Pechino Express). Mitomania che investe nuovamente David Bowie. Siamo vicini allo scult dell’anno.

* Ma ancor più ridicolo il post pieno di “emozioni” a firma Chiara Ferragni (uno dei tanti regalati quotidianamente) che ha un pensiero anche per il suo amato Fede(z). Un autentico mostro milionario di arguta intelligenza.

* Da uno dei tanti profili Facebook dedicati alla città di Bologna compare (per poi scomparire corretto) un post magnifico da non sembrare vero.

[UP]

* Per la prima volta Nicki Minaj si colora di rosso. L’artista americana ha infatti “received the Key to the City of Queens, New York. The Pinkprint rapper was given the award by Queens Borough President Melinda Katz for ‘outstanding career achievements in music'”.

* Killer Mike ingrandisce il suo business. Dopo il barber shop aperto ad Atlanta nel 2011 bissa con un altro negozio nella rinnovata Philips Arena della stessa città sede degli Atlanta Hawks.

* Liam Gallagher vittima di un furto. “To the cunt who stole my stone island parkas from my hotel room while I was playing Glastonbury hand them over all will be forgiven LG”. Il ladro ci ha visto abbastanza lungo visto che il “capo” costa circa 600 euro. Ma Liam ha un cuore d’oro…

* Davvero prezioso appare il libro di Barrett Martin “The Singing Earth” che viene dallo stesso artista di Seattle presentato così:

Hey Folks, we’re finally taking pre-orders for my first book, The Singing Earth, which is about my musical adventures around the world over the last 30 years. The book comes with a 26 song soundtrack that contains rare recordings from all my bands including: Thin Men, Skin Yard, Screaming Trees, an unreleased Mad Season instrumental, Tuatara, the Barrett Martin Group, CeDell Davis, Coleman Barks, Rahim Alhaj, Joy Harjo, and field recordings from Australia, Africa, Cuba, Central America, Brazil, the Amazon Rainforest, the Mississippi Delta, Southeast Asia, and everywhere in between.

* Corey Taylor degli Slipknot su Chad Kroeger dei Nickelback: “I’m not talking about that dickhead. Why do I give a shit what Chad Kroeger says? I’ll tell you what. This is how I figured it out. Chad Kroeger is what KFC is to chicken. Is that wrong? I feel like I’m not wrong. I’ll still eat it, but I’m not gonna feel good about it. It tastes like the same thing”. Cavaliere della Repubblica subito.

* Nick Cave e Iggy Pop e la collaborazione ad un video animato per PETA. ‘Breathless’ e il messaggio che recita “be the person your dog thinks you are”. Che bello.

* Siamo al Rose Bowl di Pasadena al festival Arroyo Seco. Sul palco gli Weezer che per il brano del 1994 ‘Suzanne’ si presentano vestiti da Guns N’Roses periodo ‘Paradise City’. Rivers Cuomo è ovviamente Axl Rose.

* Dave Rosser (The Afghan Whigs).

* Kelan Phil Cohran.

* Un’esibizione speciale per la figlia Camille al 6th Grade Graduation Party scolastico. Josh Homme e consorte Brody Dalle suonano ‘Surrender’ dei Cheap Trick accompagnati da Butch Vig e Wally Ingram (Timbuk 3). Che bravi genitori.

* Dopo averlo già circolettato di rosso qualche numero fa, ecco il primo trailer del biopic “England Is Mine” dedicato a Morrissey pronto per il 4 agosto.

* Copertina d’obbligo per Melody Prochet. La bellissima cantante francese dei Melody’s Echo Chamber (recentemente tornati con l’album ‘Bon Voyage’) è ricoverata in ospedale a quanto sappiamo dal breve comunicato pubblicato via social dalla famiglia. Tanti auguri di cuore.

Dearest Friends, Melody suffered a serious accident earlier this month. We are optimistic, but she needs to be in the hospital for a few more months. Due to these circumstances, Melody’s upcoming Tour has been canceled. But she is hopeful to be able to play shows again soon. Thank you for your support
– Melody’s Family –

* Ma la controcopertina (si fa per dire) se la merita un tranquillo signore di 75 anni, immortalato a Londra (29 giugno) solo soletto sul treno da Kings Cross a Hastings. Ti amiamo Paul McCartney.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here