Up & Down #223

353

Non teme il SI e il NO la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* “Per i Litfiba è sempre tempo di rock. Esce il nuovo album Eutòpia”. Notizie che non vorresti mai leggere mentre addenti un cornetto alla crema in una domenica d’autunno su Viale Aventino.

* The Presidents of the United States of America break up”. Era ora.

* Sono tornati The xx e lo hanno fatto anche in TV al Saturday Night Live. Al solito performance impalpabile, “moscia”, a conferma della proverbiale scarsa “attitudine” live. Inspiegabile.

* Anche un sit-in di protesta come risposta al brutto atto vandalico che a New York ha deturpato l’Adam Yauch memorial park con svastiche e scritte pro-Donald Trump. Vale sempre il detto “tutto il mondo è paese… incivile”. Alla giornata ha partecipato e parlato anche Adam Horovitz: “These are our playgrounds, where we teach our kids to climb, run, live and dream together- all of the people of Brooklyn- Our Jewish kids, our Christian kids, our Muslim kids, our black kids, our Latino kids, our white kids, all of our kids. We will never allow hatred to take that away from us because love trumps hate. And whether or not the President-Elect condemns this act, we will. And more than that, this act of hatred brings us together, across all our lines of difference. Stronger, more united, more committed. Those Brooklyn values, those New York values, those American values. Equal justice under law. More united, more tolerant, more peaceful, more love, more playgrounds… All of our kids together”.

* Al Microsoft Theater di Los Angeles sono andati in scena gli American Music Awards 2016. Quando c’è di mezzo la parola magica “award” tutto si banalizza nel mainstream più odioso e patinato. La solita sfilata di nomi d’alta classifica dove è sinceramente difficile trovare qualcosa di artisticamente valido. Anche questa è l’America di Trump.

* Repubblica.it torna ad allietare le nostre giornate. “Addio Sharon Jones, la James Brown donna”. *#!!!◊◊

[UP]

* Mose Allison.

* Mikey Borens (The Consumers).

* Sharon Jones.

* Jer Bulsara (la mamma di Freddie Mercury ci ha lasciato a 94 anni).

* Una raccolta di poesie inedite di Johnny Cash. Questo è quanto viene pubblicato dalla Penguin Random House in “Forever Words. The Unknown Poems“. Una bella idea natalizia.

* Complimenti a Steven Tyler che è stato scelto per ricevere lo Humanitarian Award from the Hospitality Committee for United Nations Delegations 2016. “… We came to realize Steven Tyler is not only a gifted composer and musician with a great big voice but a soul with an even bigger heart who sincerely wants to help those suffering from the horrific pain of abuse…”.

* Michael Bell (Lymbyc Systym).

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here