Up & Down #201

570

Non teme i gufi la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* La fine dell’ATP. Triste storia fortunatamente per una volta non italiana.

* Studio Aperto di martedì 14 edizione delle 12:30. Si parla della neuropatia di Eric Clapton che gli impedisce di suonare al meglio la chitarra. Il tono del “servizietto” è ferale, la voce greve… si usano luoghi comuni (“il chitarrista più famoso del mondo”) e frasi fatte copia-incollate dalla notizietta presa da internet. Con l’altra mano Clapton si starà ancora grattando gli zebedei.

* Della serie diatribe davvero insopportabili, conventicole, sterili discussioni senza costrutto. Trent Reznor vs YouTube > YouTube vs Trent Reznor. Interessa a qualcuno?

* I nuovi osceni singoli di Kaiser Chiefs e Two Door Cinema Club. Cose che non vorresti mai ascoltare (e che non meritano neanche una linkata) mentre sorseggi del tamarindo fresco alle 15 del pomeriggio.

* I tristissimi fatti di Istanbul. La violenza durante l’ascolto del nuovo album dei Radiohead.

* L’ennesima figuraccia per Justin Bieber che cade rovinosamente dal palco durante un concerto (!) al Credit Union Centre di Saskatoon in Canada. Zero.

* E poi accendi la TV e prendi atto che ci sono ancora programmi-affronto all’intelligenza umana. Ti rendi conto che esiste Top DJ.

[UP]

* Al Bonnaroo durante lo show dei Pearl Jam 20mila lucine accese per festeggiare il compleanno numero 12 di Olivia Vedder… che bel papà!

oli* Thom Yorke in giardino ad Oxford improvvisa un set a sorpresa per i vicini. Finisce come spesa di condominio?

* Tributo divertente, per una giusta causa e mascherato a David Bowie durante il Festival dell’Isola di Wight. Mentre al Glastonbury…

* Chips Moman.

* Henry McCullough.

* Tenor Fly.

* Dopo i cani e i pappagalli Iggy Pop sembra avere un nuovo amore. I wanna be your owl!

iggyowl

* Siamo a Charleston nel South Carolina al Volvo Car Stadium durante il concerto dei Death Cab For Cutie. All’improvviso Ben Gibbard lascia tutto e se ne va. Motivo? Sembra irritato da alcuni personaggi abbastanza alticci nelle prime file. “Were a few rowdy, ‘drunken’ fans in the first row. These ‘seriously obnoxious’ few were apparently scream-singing along and trying to start a mosh pit. When other fans pushed back, the unruly group became even more disorderly and attempted to start a fight”. Bravo.

* Gli Stone Roses “debuttano” a Manchester e dedicano un brano a David Beckham che reagisce così.

* Auguri a Meat Loaf collassato sul palco a Edmonton in Canada (le sue condizioni sono stabili), a Rick Parfitt degli Status Quo forse colpito da un attacco di cuore in Turchia (“In the early hours of Wednesday 15 June 2016 following the Status Quo gig at Expo 2016 in Antalya, Turkey, Rick Parfitt suffered a suspected heart attack”) praticamente lo stesso di cui è stato vittima Ian Paice dei Deep Purple durante il tour europeo che faceva tappa a Stoccolma (“So I had myself admitted to hospital where I was diagnosed with having suffered a ‘mini stroke’, or TIA. The hospital staff in Stockholm were amazing and started my treatment straight away…”).

* Attrell Cordes “Prince Be” (P.M. Dawn).

* Brian Rading (Five Man Electrical Band).

* I redivivi Red Hot Chili Peppers sono ospiti dello spassosissimo show televisivo Carpool Karaoke di James Corden. Finita la registrazione band e conduttore mentre si recavano in un ristorante sono stati attirati dalle urla di una donna che chiedeva aiuto per il suo bambino. Il piccolo non riusciva a respirare e ci ha pensato Anthony Kiedis a praticargli la respirazione bocca a bocca e un massaggio al petto, riuscendo così a risolvere una situazione abbastanza seria. L’intervento di un’ambulanza e il conseguente ricovero del bambino hanno consegnato alla storia un bel lieto fine.

* Un’opinione su quasi tutto. Condivisibile o meno che sia Morrissey espone rimanendo coerente sempre. Questa volta il bersaglio sono i Buzzcocks di Pete Shelley rei di aver ceduto alle lusinghe del colosso McDonald’s concedendo per uno spot il brano ‘What Do I Get?’. “Pete Shelley has allowed McDonald’s to use Buzzcocks’ What do I get? to TV advertise McDonald’s new Big Flavour (the flavour being sawdust) Chicken Wraps?! In the words of another Buzzcocks song: oh shit…”.

* 29 anni dopo Rick Astley torna al numero 1 in UK con il nuovo album ’50’. Copertina inevitabile per una delle notizie della settimana (!).

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here