Up & Down #20

596

Non teme le vene varicose la rubrica più giovane di Nerds Attack!. Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* La tracklist del nuovo album di Arisa ‘Amami tour’: Meraviglioso amore mio, Senza Ali, Amami, Toxic, La mia strana verità, Oggi, Vecchio Frack, Il tempo che verrà, Sweet Dreams, Viva la vida, Personal Jesus, un medley tra Losing my religion e Ti sento, Sincerità, Kobra, Malamorenò, Missiva d’amore, L’amore è un’altra cosa, La notte, Pace. Ma che cazzo ti sei messa in testa? Durante Xtra Factor a vederla e sentirla difendere strenuamente i “fratelli incesto” diremmo davvero troppo.

* Anche RAF torna abile e arruolabile approfittando tempisticamente del Natale. ‘Le Ragioni del Cuore’ ripropone vecchi successi rivisti e arrangiati… ma a far notizia è la seguente dichiarazione: “la sperimentazione con l’uso di sintetizzatori nell’ambito del pop è stata per me un’esperienza che si è rivelata prima intrigante poi estremamente esaltante”. Peccato che nessuno se ne sia accorto.

* Ora con tutto il bene calcistico possibile per Alessandro Del Piero… ma francamente che minchia ce ne importa del calcio australiano? Cronache minuto per minuto, dirette TV, tutto per seguire le sorti di una squadra sportivamente terzomondista e oltretutto ultima in classifica. Va bene il made in Italy da esportazione ma basta, basta!

* Il video ‘Gangnam Style‘ si appresta a divenire il clip più visto di sempre su Youtube. Un record per cui andare fierissimi. Specchio incontrovertibile di un’epoca regressiva e culturalmente usa e getta. Scommetterei che la maggior parte dei contatti sia farina del sacco italiano…

* Sfogliando Sette del Corriere della Sera. Intervista a Francesco De Gregori, girando pagina ecco Guccini, Vecchioni e compagnia pensionante, ancora avanti e si celebra ‘The Wall’ dei Pink Floyd (usciva il 30 novembre 1979… e allora?). Non è finita. In “Piacere & Saperi” et voilà Eros Ramazzotti… il nuovo che avanza, sempre.

* La Repubblica (Roma) di venerdì 23: “Il repertorio è pop ma crescendo la star di Amici è in grado di uscire dalle abitudini e sorprendere se stessa e il pubblico […] lei è una delle rappresentanti di una giovane generazione italiana che potrà prendere il posto della precedente […] cantando una Italia nuova e divisa […] ha tutte le carte in regola per diventare una delle cantanti più amate ed apprezzate dei prossimi anni”. Lei è Emma. Lui è Ernesto Assante.

* Nel finale dell’inguardabile (e infatti non guardato) Cielo Che Gol, in sequenza arrivano Il Cile (un ragazzo paffuto vestito da metallaro anni ’80 che parla di social network, di pezzi che vogliono arrivare…) e Nice (!) una delle ultime eliminate di XFactor. Il primo viene battezzato dalla Ventura in modo inequivocabile: “grande intonazione Cile!”, la seconda gorgheggia come una faina in calore ‘Lonely Boy’ dei Black Keys. Momenti di grande televisione.

UP

* Lancio preso dal Corriere.it: “I Led Zeppelin 
non tornano insieme? 
Colpa di Robert Plant. Grazie Bob.

* Ancora una volta finisce da questa parte “in rosso” Chiara Galiazzo, grande favorita di XFactor, che dopo l’interpretazione dei Kiss della settimana passata, si cimenta nella kurtweilliana ‘Alabama Song’ e in ‘You Do Something To Me’ di Paul Weller. Cose mai viste (quasi) nella TV della canzonetta melodico-generalista. Merito a Castoldi e ai suoi collaboratori. Curioso.