Up & Down #193

581

Non teme i folletti la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* La scomparsa di Prince riporta a galla il solito pressapochismo della stampa italiana. E soprattutto la voglia di titoloni ad effetto quando, davanti alla statura dell’artista, basterebbe giusto qualche riga di cronaca e rispetto. Il Corriere della Sera è un po’ leader di questa smania a colpi di “folletto” e “sesso”.

prin10

* Il Corriere.it arricchisce l’argomento con gli “articoletti” di contorno. Anno 2016: “Prince è il quinto big della musica mondiale ad andarsene…”. Certamente.

* Sulla Stampa.it l’acume di Luca Dondoni è tradotto dalla testimonianza di Biagio Antonacci.

* TGCom24 realizza invece un utilissimo articolo gossipparo lanciandolo come “Tutte le donne del Folletto”. Maledetti si può dire?

* Leggendo anche VanityFair.it direi proprio di si. “Addio Prince, folletto degli eccessi”.

Il web non si fa attendere e nel mare inquinato peschiamo un ambiguo “genio inquieto”. Ma fortunatamente le infradito di Antonacci non c’entrano.

prin9

* Ormai è diventata un’insopportabile abitudine. Artisti che dal vivo interagiscono in maniera “eccessiva” con il pubblico. Fan invitati sul palco a cantare, fan invitati a dichiarare fatti privati, proposte di matrimonio, bambini coinvolti, strette di mano e abbracci, compleanni festeggiati (l’ultimo in ordine di tempo è Eddie Vedder che augura buon compleanno alla mamma!), parenti presentati al mondo intero, nonne, zie, vicini di casa. Che tristezza.

[UP]

* Altro giro altra biografia. Il 3 novembre esce “Set the Boy Free” (via Dey Street Books) a firma Johnny Marr.

* Il sentito tributo di Tom Waits a Merle Haggard.

twai

* Gib Guilbeau (Flying Burrito Brothers).

* Lonnie Mack.

* Billy Paul.

* Roger Daltrey sul reclutamento di Axl Rose da parte degli AC/DC: “I mean, go and see karaoke with Axl Rose? Give me a break”. 

* Applausi a quel gran pezzo di punk di Morrissey fotografato al concerto dei Rancid ad Hollywood assieme a Toby Morse cantante degli H20.

mozpunk

* Prince.

* La seconda moglie di Prince, Manuela Testolini con la quale rimane sposato dal 2001 al 2006, ha deciso che costruirà una scuola dedicata al compianto artista americano. “Prince and I had a magical journey together and I loved him immensely. The world knew him as a musical genius, I knew him as a husband, friend and fierce philanthropist. Philanthropy brought us together and it was Prince who encouraged me to start my own charity over 10 years ago. I just reached out to him a few days ago to let him know that I was building a school in his honor,” she continued. “My heart aches that the school will now be built in his memory. His passing leaves me with such a devastating feeling of pain and loss. The love we shared, the music he made and our life together is forever engraved in my heart. I will always love and respect him. I am heartbroken beyond words.”

* Come sempre la scomparsa di un artista fa lievitare le vendite dei dischi. Nell’arco di 16-18 ore dalla notizia della morte, sono state oltre 200mila le copie vendute degli album e circa 900mila i brani acquistati in digitale.

* Nell’internet praticamente rotto dalla notizia, tra le centinaia di post e messaggi, quello di Will Carruthers sintetizza lo stato d’animo di chi ha amato il seminale artista di Minneapolis.

prince3

* La copertina spetta però a Bruce Springsteen che apre il concerto di Brooklyn con una commovente versione di ‘Purple Rain’.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here