Up & Down #159

959

Non teme quelli che si parlano (sempre) addosso la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Dopo qualche settimana di “pausa” estiva torna alla carica Repubblica.it con uno degli annunci più belli dell’anno: “Tornano i JON BON JOVI…”. Della serie orrori della beata ignoranza. Ancora un anno insieme!

* Dave Grohl santificato il suo nome, sia fatta la sua volontà (sempre)… ancora un episodio con risonanza mediatica. Lui seduto sul trono a pontificare e dispensare amore e bontà. Siamo al disgusto più totale.

* Ancora un furto “musicale” questa volta denunziato da Kathleen Edwards.

* Ed Droste (degli intoccabili Grizzly Bear) “costretto” a cancellare l’account di Twitter per colpa dei “difensori” di Taylor Swift tramutati in spietati haters cibernetici. Tutto parte da un articolo di un magazine inglese (ri)postato da Droste nel quale la Swift viene indicata come autentica manipolatrice… bla bla. Scatta la faida e anche la difesa d’ufficio delle amiche Gigi Hadid e Martha Hunt. Droste Vs Swift che tristezza!

* Un giovedì sera qualunque. Mentre aspetti con particolare gioia la nuova puntata delle “teche della Rai” ecco che sul finire di TG1 arriva il solito-melenso servizio lecchino di Mollica. La sequenza è questa: TG1 > Mollica > ‪LucaCarboni‬ > Luca lo stesso > video come quello di Robert Palmer > che poi sarebbe Addicted to love. Zero.

* I concerti di Taylor Swift. Ogni tre minuti un ospite. Più che un live una carrambata. Stucchevole. Sorry Taylor.

* I Verdena e la Jaguar ad Asolo (Treviso) si rendono protagonisti di una sorta di destructo phase all’amatriciana. Se devi spaccare una chitarra spaccala bene e poi magari ricomprala. Magnifico il commento al video postato su YouTube: “Cantante Verdena inebetito scaglia pagliaccescamente la chitarra a terra”.

* La simpatica disavventura capitata a Evian Christ al festival di Leeds. “Reading fest cancelled (sorry) cuz leeds put me in a cage. Please ‪#freeevian‬. Really tho actually got put in a cage at a festival headlined by mumford and sons because the festival staff didnt believe i was a dj and thought i was ‘trying to break into the festival’ after my set”. Grazie Leeds.

* Ovviamente gli MTV VMAs 2015. La sfilata del nulla cosmico in mezzo alla quale si è salvata la solita Miley Cyrus.

[UP]

* John McEnroe si esibisce tributando i Nirvana.

* Danny Sembello.

* St. Vincent griffa e personalizza chitarre.

* Le action figures dei Daft Punk al modico costo di 100 sterline ciascuna.

* “A Tindog Film, Produced and Directed by Nick Hall, this is the story of Joe Strummer‘s self-imposed exile in Granada in 1985/6 and will be released by Cadiz Music on 25 September 2015 and comes packaged with a cassette of a key Spanish radio interview with Joe, a postcard, sticker and badge”. Sbem!

* Miley Cyrus. Meglio di un film.

* La copertina è senza alcun dubbio una delle più meritate del 2015. Spetta alla band Fat White Family che posta via social un sentimento comune a tanti nei confronti del ridanciano Mac DeMarco (non a caso la scorsa settimana lo avevamo messo in Down). “Unless Mac demarco immediately withdraws from music and the public eye, me and saul will be on the first plane to Syria to join Isis. Peace be with you”.