Up & Down #118

983

Non teme l’allerta meteo la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

[DOWN]

* Brani “lost” e tracce “unreleased“. Uno dei mali del nostro tempo musicale. Rispuntano registrazioni nell’età adolscenziale e semi-infantile, pezzi d’archivio pre-fama, canzonette che giustamente erano tenute nascoste chissà dove, celebrità passate a miglior vita che improvvisamente tornano a gridare “presente”. Lorde a 12 anni, Kurt Cobain prima di Kurt Cobain, Freddie Mercury e Michael Jackson da lassù, ologrammi, cartonati, la lista è lunghissima come la tristezza.

* Un sempre più in sovrappeso Fat Mike (NOFX) prende a calci un fan salito sul palco durante un concerto a Sydney. Brutta scena. Alex, il ragazzo protagonista (nella foto il suo labbro dolorante), lo perdona via Twitter… stesso canale social che sceglie Fat Mike per scusarsi: “I’m sorry too Alex, I was in terrible pain all night. When you grabbed me by the neck I defensively reacted… offensively. Alex, if you go to the show on friday I’ll buy you a beer. Just don’t throw it at me alright?”. No mercy.

* Phil Rudd (AC/DC) arrestato e accusato di istigazione all’omicidio. La notizia fa il giro del mondo. In più c’è anche il possesso di metanfetamine e cannabis. Rudd appare provato e invecchiato di 120 anni. Il comunicato diramato qualche ora dopo dagli AC/DC è ancora più sorprendente della vicenda del batterista. Il giorno dopo l’accusa sembra decadere. Ma la figura di merda rimane totale.

* A Los Angeles si sono assegnati i Classic Rock Awards. Trattandosi di “classic” comprendiamo alcune scelte ma ogni commento è superfluo alle voci “Band of the Year” e “Metal guru”. Risate grasse, anzi risate classicissime.

Living Legend: Gregg Allman
Inspiration: The Doors
Band of the Year: Queen + Adam Lambert
Film of the Year: Through the Never – Metallica
Album of the Year: Going Back Home – Wilko Johnson & Roger Daltrey
Classic Album: Blizzard of Ozz – Ozzy Osbourne
Outstanding Contribution: Jeff Lynne
Reissue of the Year: Led Zeppelin I: Deluxe Edition, Led Zeppelin II: Deluxe Edition, Led Zeppelin III: Deluxe Edition – Led Zeppelin
Maestro: Joe Perry
Metal Guru: Dave Mustaine
The Bluesman: Eric Burdon
The VIP: Sharon Osbourne
Best New Band: The Cadillac Three

* Scontato ma doveroso l’inserimento. A Glasgow vanno in scena gli MTV EMA 2014: la peggior manifestazione che si possa trovare oggi sul mercato. Parata di stelle nella stalla, culi, tette, botox, cadute di stile, oltre a un doppiaggio italiano da prima elementare. Allora tutti sul canale 67 per “ammirare” la cantante cinese che trionfa sul resto del mondo (Amoroso compresa, che aveva un solo desiderio alla vigilia: “poter toccare Nicki MInaj”), le boyband a farla da padrone, Enrique Iglesias che sembra suo figlio, Ozzy Osbourne issato con i fili, Slash ormai simile al nostro Richard Benson, i cari immancabili U2, yo-bro, pubblicità e pubblico telecomandato all’urlo. Zero spaccato. Nel 2015 i premi verranno consegnati a Milano. E cresce l’attesa.

[UP]

* Una mostra che durerà 9 mesi (dal 12 dicembre al 31 agosto 2015) quella che si sta per aprire a Londra e che riguarda Elvis Presley. Un tour virtuale dentro Graceland per un mito davvero immortale. E Londra vince ancora.

* Il celebre festival Lollapalooza sarà anche a Berlino il 12 e 13 settembre 2015. E Berlino vince ancora.

* Le poste svedesi rendono omaggio con una serie di francobolli speciali a Max Martin, First Aid Kit, Robyn, Avicii e Seinabo Sey. Data della messa in commercio il 15 gennaio. E la Svezia vince ancora.

* Ai funerali di Jack Bruce (celebrati al nord di Londra il 5 novembre) toccante il tributo di Eric Clapton e dei suoi “amici” che hanno cantato ‘Strawberry Fields Forever’ dei Beatles. Tra i presenti anche Ginger Baker, Pete Brown, Phil Manzanera, Vernon Reid e Gary Brooker. In una cappella adornata dagli strumenti del musicista e da tantissimi fiori, sono state eseguite anche ‘Morning Has Broken’ di Cat Stevens e ‘Theme From an Imaginary Western’ proprio di Bruce.

* Taylor Swift contro Spotify. Brava, carina e tanto simpatica.

* Durante la nuova puntata di un sempre più “scarso” artisticamente X Factor, dopo l’ospitata di una spaesatissima e stonatissima Charlie XCX, prima Morgan e poi Mika presentano per i loro assistiti due brani niente male a firma Fischerspooner e Moloko. Almeno.

* Il nuovo spot del tè Twinings utilizza ‘1234’ di Feist. Sempre buona.

* Rick Rosas.

* “Ozzy’s decided he wants to do another few episodes (about eight) of ‘The Osbournes’. It’s been 13 years since we first did it. He said for the three years we did it, he was drunk the whole time and he’d like to be sober”. Parola di Sharon Osbourne.

* Dopo Cool Tour Carlo Massarini da fine settembre (sempre su Rai 5) presenta Ghiaccio Bollente. Nella notte, per 1500 ore l’anno, il martedì. La puntata del 4 novembre ha avuto come protagonista Morrissey. Inutile dire quanto sia stato appassionato e appassionante il racconto di Massarini. Che rimane l’unico e l’ultimo grande totem del giornalismo musicale italiano (quello vero).

1 COMMENT

  1. Io lo dico pubblicamente, se Taylor verrà in Italia il live report lo voglio fare io! E devo informarmi se “1989” ha battuto il record di “Oops…I did it again”.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here