Up & Down #112

673

Non teme i discorsi americani la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno si offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* George Harrison: è tempo di celebrazioni. In occasione dell’uscita dell’antologia ‘The Apple Years 1968-75’ molti artisti si sono cimentati con personalissimi tributi all’indimenticato musicista britannico. All’appello ha risposto presente anche Beck che nello show di Conan si è cimentato nella cover di ‘Wah-Wah’. Risultato? Si commenta da solo (guarda). Il fu Beck Hansen.

* Dal 1970 Urban Outfitters è (multi)marchio di qualità (?). Dalla Pennsylvania alla conquista del mondo. Dall’abbigliamento per hipster e amanti del (falso)vintage ad una multinazionale con circa 400 punti vendita nel globo (Italia esclusa). Notizia: “Urban Outfitters Now The World’s Biggest Seller Of Vinyl Records”. Ci crediamo, del resto l’avventore medio, così si evince dallo studio, è il giovane cresciuto con Spotify, Pandora e Napster. Quando il vinile è solo moda. Un feticcio da portare a spasso sotto il braccio e fotografare a casa a favore dei social. Zero.

* Non tanto perchè fuori tempo massimo (anagrafico), non tanto per il suo “movimentato” passato, piuttosto perchè non se ne può più delle critiche puritane verso le starlette del music business americano tutta patina e culi al vento. L’ultima paladina è proprio Marianne Faithfull che si scaglia senilmente verso Miley Cyrus (ancora!) e Rihanna definendole “Rubbishy sluts” (sgualdrinelle senza nessun valore). Vero o non vero… anche basta!

* Su Instagram viene postata da un cittadino qualunque una foto che ritrae Rod Stewart (?) seduto appisolato in metro a New York. Lo scatto fa brevemente il giro del mondo web, divertente, curioso, senza nessun clamore particolare. Qualche giorno dopo il manager del grande Rod smentisce e precisa: “The real Rod has seen the [subway] picture, and he thought it was funny, but he said, ‘Please let people know it isn’t me'”. Ma perchè? Era tutto così bello…

* Lo spot dell’Audi ‪A3 sportback‬ utilizza ‘Lessons’ di Sohn. Ma il brano sembra essere stato “catturato” senza permesso. L’artista twitta ironicamente: “‪@Audi‬ feels like you may have ‘borrowed’ from one of my tunes… Can I ‘borrow’ one of your cars?”.

* La signora Homme, Brody Dalle, punta il dito contro il video (‘Booty’) che ha come protagonisti i sederi sodi e modellati di Iggy Azalea e Jennifer Lopez. “I think JLo and iggy azalea have lost their heads up each other’s big butts. I’m trying to understand what the point of their horrendous video is but I can’t find one. The song is a piece of crap that was written by waaay to many people including a well know woman beater”. Poi il giorno dopo torna sui suoi passi e precisa (leggi). Copione già visto.

* Morrissey rinnova il web store con il nuovo merchandise. Guantoni da mini boxe a parte, il resto degli articoli messi in vendita rasenta il kitsch più assoluto… e forse per questo da acquistare in blocco!

* A sorpresa Thom Yorke lancia il suo nuovo album solista ‘Tomorrow’s Modern Boxes’ attraverso BitTorrent. “I am trying something new, don’t know how it will go but here it is…”. Anche no.

UP

* Da una pubblicità ad un’altra. Per lo spot della nuova Peugeot 108 troviamo con grande gioia ‘Gunshot’ di Lykke Li.

* Flume e David Beckham stima reciproca. Intorno al minuto 3′ troviamo l’ex-stella del football che… (guarda).

* Tanya Tagaq vince il Polaris Music Prize.

* In alto i cuori. Phil Collins“I am not ready to return to the full concert stage at this time”.

* Josh Homme vs One Direction parlando della figlia… “I try to shy away from [One Direction] because I have to drive the car too. Do you want it to go over a cliff or do you want it to go to school? You decide, you’re eight”.

* Dopo 30 anni ricompare con un nuovo album il 72enne Alvin Stardust (quello di ‘My Coo Ca Choo’ per intenderci, quello con i basettoni). Complimenti alla tenacia.

* Digressione cinematografica. Torna in sala uno dei film più belli di sempre, a 30 anni dalla morte di François Truffaut torna “I 400 Colpi”. Imprescindibile.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here