Up & Down #104

585

Non teme la coda al casello autostradale la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* Il peggio in circolazione si unisce al peggio del peggio. Avicii working on new album with Chris Martin, Billie Joe Armstrong, Serj Tankian…”.

* Del Coca Cola Summer Fest avevamo già parlato esaurendo gli argomenti da catapultare in “down”. Ma dobbiamo assolutamente tornarci sopra dato che nella penultima puntata è comparso Roby Facchinetti. Vittima di un terribile lifting facciale che gli ha anche cambiato la voce (oltre che l’espressione del viso ormai quasi inanimata) presenta il suo arcaico singolo vero strazio mezzo-progressive/mezzo-Pooh/mezzo-paleozoico, ma l’apice viene toccato quando nel ritornello, anzichè cantare la parola “gloria”, Facchinetti ripeterà per tutta la canzone “GLARIA”. Mostruoso.

* L’Italia con 6 mesi di anticipo vince il premio “annullamento concerti 2014“. Pioggia, alluvioni, sicurezza pubblica, aerei persi, prevendite scarse, sciopero dei ferrotranvieri, malattie, intolleranze alimentari, tutto sempre indipendente dalla volontà degli organizzatori. Ma basta cazzo!

* L’incartapecorito Steven Seagal viene “cancellato” dall’Estonian music festival per aver rilasciato dichiarazioni pro-Putin. L’attore (!?) americano ha infatti incensato il leader russo definendolo: “one of the great living world leaders”. Agli estoni non è andata proprio giù. NB – Seagal fa anche il musicista.

UP

* Rod Stewart è tra gli artisti chiamati ad esibirsi alla cerimonia d’apertura dei giochi del Commonwealth. Finita l’esibizione si fotografa in mutande davanti ai trofei del “suo” Celtic: “I never thought I’d be able to stand in the Celtic Board Room in front of the trophy case. . . with no pants”. Eterno.

* David Lynch lancia la sua linea d’abbigliamento pensata per lo yoga e la meditazione. Business empire.

* Matt Healy dei The 1975 ci arriva anche se con un po’ di ritardo: “I’m not going to become Bono.

* Lars Ulrich si confessa al recente Glastonbury e rivela che ha smesso di fare uso di droghe grazie (indirettamente) a Noel Gallagher (leggi). W l’onestà.

* Mark Oliver Everett viene insignito a Londra con la prestigiosa onoreficenza Freedom of the City of London che in passato ha visto tra i protagonisti anche Winston Churchill, Diana, Nelson Mandela, Bob Geldof.

* Se non è uno scoop poco ci manca. Phil Anselmo (assieme a Dave Hill) che durante uno show a New Orleans coverizza gli Smiths! (guarda)

* Diamo a Cesare quel che è dei Coldplay. Che donano 10mila sterline ad un fan, Jody Duff, affetto da una grave malattia neuronale. Il ragazzo ha dichiarato: “Chris was genuinely interested in learning about motor neurone disease”. Applausi.

* Il biopic su Kurt Cobain verrà realizzato nel 2015. Lo conferma Courtney Love che ha rivelato che saranno della partita anche la figlia Frances Bean, Krist Novoselic e Dave Grohl. Il ruolo di Cobain di chi sarà? “I won’t name names because I don’t want to jinx it for anyone but these are 25-year-olds who are blond, gorgeous and the new Brad Pitts … Some are really good actors, not just pretty faces”. UP anche per la stessa Courtney Love che ha anche dichiarato che non ci sarà un reunion delle Hole.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here