Up & Down #101

591

Non teme la prima spiaggia a sinistra la rubrica (non) più giovane di Nerds Attack! Un diario di appunti del meglio (circolettato di rosso) ma soprattutto del peggio (circolettato di marrone) che il mondo dell’intrattenimento riesce a regalarci con estrema scioltezza quotidiana. Up & Down. E che nessuno s’offenda vi augura buon divertimento.

DOWN

* La notizia è di quelle che chiudono il cerchio: Jared Followill receives champagne from U2 as a welcome to Dublin”. Simbiosi.

* La casa che fu di Laura Palmer nel supercult “Twin Peaks” viene messa in vendita (informati). Addio sogni di gloria.

* Guerra tra “poveri”. Mike Shinoda dei Linkin Park qualche mese fa dichiarava: “There’s so much music out there. There’s so much stuff that sounds like HAIM or CHVRCHES or Vampire Weekend that I’m full. The thing I’m hungry for is not that. I turn on the rock station in L.A. and it sounds like Disney commercial music”. Minchia! Da che pulpito arriva la predica verrebbe da dire! Recentemente Iain Cook dei Chvrches, durante un’intervista, ha definito le dichiarazioni di Shinoda come “a pointless dig” (o dick?), mentre la cantante Lauren semplicemente “bullshit”. Insomma storielle di provincia utili solo per raccimolare un po’ di gloria riflessa. Zero.

* L’incartapecorito, discusso e discutibile Ted Nugent ne ha per Jack White: “I wish Jack godspeed. He’s made some brilliant musical statements throughout his career and I expect he will do more, but his performance was a grave letdown. And I wanted to love it, because it’s so Detroit… And Detroit for me means the Motown Funk Brothers, the Bob Seger groove, the Eminem groove, the Kid Rock groove, the Amboy Dukes tightness” e per i Black Keys: “With the Black Keys, I’m missing crescendos with the sax, keyboard or guitar solo. It never comes to me. All my favorite music is rife with crescendo and I’m not hearing enough with them. If you can get the Black Keys to hear this, tell them I offer my crescendo guitar anytime they desire it”. Dichiarazioni alla moda.

* L’improvviso split dei Death Grips. Grazie eh!

* Jimmy Page non molla e si augura che i Led Zeppelin… magari un giorno al Glastonbury: I agree with them, it’s good music isn’t it. Maybe I could just go out on my own then and call myself Led Zeppelin”. Ma basta!

* Tutto ciò che potranno fare da qui al 2064 i Pink Floyd.

* Siamo alla Metro Radio Arena a Newcastle, il “concerto” è quello di Robbie Williams, che ha ormai preso le sembianze di un supplì semovente. Vestito come Schettino, tra musical e volontà di essere crooner a tutti i costi, scivola dal palco e con la sua stazza rompe il braccio ad una 52enne in prima fila. Sce-mo, sce-mo, sce-mo!

* Kanye West come Balotelli. Viene fatto oggetto di “boo” durante le esibizioni al Wireless Festival. Dal Daily Mail: “The Yeezus rapper caused confusion when he paused his performance at the London music event, held at Finsbury Park, to preach to the crowd about discrimination within the fashion industry. Wearing a bejewelled mask over his face, Kanye, 37, told the audience: ‘I’m not going to mention any names but… Nike, Louis Vuitton and Gucci. Don’t discriminate against me ‘cos I’m a black man making music'”. Il contendere è questo (guarda) 15 minuti di noia epocale.

UP

* Dopo il Glastonbury, dopo le velate accuse di aver cantanto in playback. “My boobs are fake, my hair’s fake, but what is real is my voice and my heart”. (Dolly Parton)

* Jack White non riesce a farne una storta. Fantastica la messa in scena della sua morte, del virus, dell’esibizione, del fake, di tutto.

* Secondo il Daily Star Mick Jagger avrebbe intenzione di aprire un museo dedicato ovviamente ai Rolling Stones (leggi). Bomba!

* “The recipients of honorary degrees are nominated by the University’s staff for their achievements, their links to the University – and for their sheer inspirational qualities”. Brian Johnson degli Ac/Dc diventa “dottore” grazie alla laurea ad honorem donata dalla Northumbria University. Soddisfazioni.

* Rispetto. Black Sabbath @ Hyde Park (guarda)

* Max Pezzali risponde alla bufala del web su una sua presunta morte. “Mi stanno chiamando in tanti riguardo a un mio presunto incidente in moto, ma posso affermare quasi con assoluta certezza di essere vivo!”. Menomale.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here