Tullycraft: il ritorno del twee pop americano

712

In principio erano i Crayon. 1990, siamo nello stato di Washington a Bellingham in piena esplosione flanellata e il trio Tollefson, Fell e Roberts si produce in un’originale mistura di punk-twee pop sorretta da preziose chitarre distorte. Una cassettina e cinque 7″ prima dell’esordio ‘Brick Factory’ che rimarrà anche il loro unico album (ascolta). Nel 1994 il trio si divide e la coppia Sean Tollefson e Jeff Fell andrà sicura a formare gli straordinari eroi del twee americano: Tullycraft. Con loro c’è l’ex-chitarrista dei Wimp Factor 14 Gary Miklusek, la band è ora residente a Seattle e nel 1996 l’esordio riprende il discorso interrotto con i Crayon. ‘Old Traditions, New Standards’ è il titolo semi-autobiografico di un lavoro ruvido e basilarmente indie, come nella tradizione dell’autentica matrice twee (ascolta). Anche il seguito del 1998 – ‘City Of Subarus’ – che vede l’ingresso di un quarto elemento alle tastiere, si mantiene in scia del debutto che ha comunque contribuito a creare intorno ai Tullycfrat un grande seguito (di culto). Passano quattro anni prima di rivederli fuori con un disco, in mezzo l’abbandono di Miklusek, una raccolta di singoli (2000) e un’antologia che racchiude il materiale del side-project di Tollefson chiamato Six Cents & Natalie. Nel 2002 arriva il terzo capitolo ‘Beat Surf Fun’ sicuramente più gagliardo e centrato se paragonato al predecessore (ascolta). Nel 2005 e 2007 arrivano poi ‘Disenchanted Hearts Unite’ e ‘Every Scene Needs A Center’ che nulla aggiungono alla produzione iniziale. La pausa annunciata è datata 2009. Quasi quattro anni dopo i Tullycraft a sorpresa ritornano sulle scene con ‘Lost In Translation’ fuori in primavera ancora una volta via Magic Marker Records (USA) mentre in UK ci penserà la Fortuna Pop! Il disco è stato prodotto dal noto Phil Ek (The Shins, Band of Horses, Built to Spill, The Halo Benders, The Shout Out Louds, Fleet Foxes, The Walkmen) e viene così presentato:

“After a hiatus that lasted almost three years, Tullycraft has begun the process of recording a new album. It’s been a long time since we’ve recorded a record, so we’re currently trying to remember how to do it. It’s hard for me to imagine how many people will actually be interested in hearing a new Tullycraft album, but I’m sure we’ll have fun making it. More details will follow as the process moves forward. Thanks for listening!”.