Tom KING – R.I.P.

493

E’ scomparso il 23 aprile all’età di 68 anni Tom King, fondatore e chitarrista degli Outsiders, una delle più valide garage rock band americane dell’epoca. Ricordiamo la band direttamente dalla scheda biografica della “Guida Discografica Garage Rock” (E. Tamagnini/A. Bonini). (guarda video)

Di base a Cleveland sono uno dei tanti gruppi che adottano (più o meno in anni vicini) il nome The Outsiders. Sono la creatura del chitarrista/sassofonista Tom King che agli inizi degli anni ’60 è gia attivo con i suoi Tom King And The Starfires autori di alcuni brani strumentali. Quando il gruppo – Merton Madsen (basso), Al Austin (chitarra) e Rick Baker (batteria) -, vengono raggiunti dal cantante Sonny Geraci è il momento del cambio di nome. Nei primi mesi del 1966 firmano per la Capitol che realizza il primo singolo scritto da King, quel Time Won’t Let Me, che raggiunge il numero 5 della classifica nazionale vendendo oltre un milione di copie. Anche il seguente Girl In Love li mantiene quasi sugli stessi livelli, complessi arrangiamenti ben accentuati dall’uso della sezione fiati. Quando l’etichetta è pronta per dare alle stampe il debutto sulla lunga distanza, King chiama un suo vecchio compagno negli Starfires, il batterista Jimmy Fox, che di lì a poco formerà la James Gang. Nel 1966 sono all’apice della notorietà (esce anche lo splendido secondo lavoro) forti di un sound accattivante influenzato dalla soul della Motown quanto da quello britannico dei soliti “noti”. L’anno dopo Madsen lascia il posto ad un altro ex Starfires Richard D’Amato, viene registrato un album live abbastanza “avanti” come produzione rispetto al periodo trattato e nel 1968 quando King lascia è praticamente la fine el gruppo anche se Geraci con l’ultimo arrivato Walter Nims mantiene in vita il nome Outsiders. Una causa legale ai danni dei due musicisti da parte di King per la proprietà del nome, fa si che Geraci debba cambiare moniker in Climax (tre singoli nel 1971). Alcune reunion originali vanno registrate negli anni ’80 e ‘90.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here