TIDAL

970

Jay-Z compra per la modica cifra di 56milioni di dollari la società scandinava Aspiro (gestore di servizi streaming) > non più tardi di qualche mesa fa Taylor Swift ritira il suo catalogo da Spotify colpevole di non tutelare e dunque di svalutare la musica, gli artisti > inizia via social una campagna viral a colpi colorati di celeste #TIDALforALL > la presentazione in pompa magna a New York (con tanto di Daft Punk casco-muniti) è solo la parte finale del lancio ufficiale > “La fine di “Spotify” titola già qualcuno > “The Avengers of Music” li definisce la prestigiosa rivista Forbes > “co-owners” della società sono anche due pezzi degli Arcade Fire, Jack White, Kanye West, Daft Punk, Calvin Harris, Beyoncé, Deadmau5, Madonna, Alicia Keys, Chris Martin, Rihanna, Usher, Nicki Minaj > Jay-Z raggiante dichiara: “This thing was the thing everyone wanted and everyone feared. If these artists can sit in a room together, the game changes forever. And that happens today” > per i fruitori Tidal ha già messo a disposizione la prima apparizione televisiva dei White Stripes > “Electroma” dei Daft Punk > una playlist curata da Arcade Fire, Jay Z, Beyoncé e Coldplay > un assaggio della recente collaborazione tra Todd Rundgren, Lindstrøm e Emil Nikolaisen > “Louder than words. The revolution is coming. Turn up” > ma non tutti sono contenti > Bobby Krlic (aka The Haxan Cloak) accusa: “This is so shameful. Thanks for not getting in touch and ripping me off, Tidal. https://t.co/SpaZRmv4ud Please retweet!. Just to clarify, I’m not saying Tidal used my music; I’m saying they used an imitation of it. This happens to artists way too often” > tutto è bene quel che comincia bene.

1 COMMENT

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here