Team Ghost: parla francese uno dei probabili dischi dell'anno

461

“When I left M83, I had no idea what I wanted exactly. but I knew I wanted to be a professional musician. So I took time to experiment, to find what kind of music I wanted to make. I guess Team Ghost is way darker than M83, as I love cold wave bands like Joy Division, Cocteau Twins etc…”. A parlare è Nicolas Fromageau, accanto a Anthony Gonzalez/M83 fino al 2004, dal 2007 mente dietro all’affscinante progetto a cinque Team Ghost. Una serie di EP per aprire la pista, poi racchiusi nella compilazione ‘We All Shine’ (2011), preludio al debutto ‘Rituals’ uscito in questi giorni (anticipato a fine 2012 dal primo singolo ‘Dead Film Star’). Quelli predisposti a creare etichette chiamano la musica del quintetto parigino “coldgaze”, ovverosia quel misto di algide atmosfere wave con l’emozione delle rarefazioni shoegaze. Può darsi. Resta il fatto che ‘Rituals’ è un grandissimo album. Di fascino raro, teso, notturno, aggressivo, senza quell’alone romantico che è rimasto tutto a casa Gonzalez. Con Fromageau ci sono Christophe Guérin, Felix Delacroix, Pierre Blanc e Jean-Philippe Talaga. Un disco dark. Un disco sorprendente. Doppio circoletto rosso.

Slow-burning, electronic tracks like “Away” and “Broken Devices” seem to inhabit a chilly future cityscape straight out of a JG Ballard novel, washes of ambient synths ebbing like the oily Seine; “Curtains” and first single “Dead Film Star” turn up the guitars to create discordant, indie-pop gems; and “Somebody’s Watching” mixes sexual, voyeuristic lyrics with the kind of celestial choir that Popol Vuh used to soundtrack Werner Herzog’s twisted Aguirre.

Guarda ‘Curtains’