Stardust: il biopic su Bowie (purtroppo).

190

Non ci libereremo tanto facilmente della moda dei biopic musicali. Posticci, sopravvalutati, frettolosi, da dare in pasto alla massa dalla memoria certamente corta. Tocca purtroppo anche a David Bowie, un’operazione che vedrà la luce nel 2020, e che non è stata approvata (fortunatamente) dalla famiglia del compianto genio britannico. A inizio anno infatti Duncan Jones (il figlio) scriveva: “I’m not saying this movie is not happening. I honestly wouldn’t know. I’m saying that as it stands, this movie won’t have any of dad’s music in it, & I can’t imagine that changing. If you want to see a biopic without his music or the family’s blessing, that’s up to the audience”.

Oggi viene svelata la prima foto che ritrae il protagonista, l’attore/musicista sudafricano Johnny Flynn, nelle vesti di Bowie in “Stardust”: “will see Flynn star as Bowie as he travels to the US in 1971 – a trip that supposedly inspired Bowie’s alter-ego, Ziggy Stardust”.