Spoon: in Italia

394

Partiamo dalla fine. Il 17 marzo è uscito ‘Hot Thoughts‘ (lanciato proprio dalla title track) il nono lavoro della band texana a quasi tre anni dal precedente ‘They Want My Soul’ co-prodotto assieme a Dave Fridmann (The Flaming Lips, Mercury Rev, MGMT). Un ritorno alla Matador che aveva pubblicato il debutto ‘Telephono’ nel lontano 1996. Venti anni fa appunto. Qualche tempo prima è datata la fondazione ad Austin intorno al trio Britt Daniel, Andy Maguire e Jim Eno (Daniel e Eno sono oggi gli unici superstiti). Il suono è debitore ad una “manita” di band che si chiamano Pixies, Pavement, Sonic Youth, Nirvana e Wire. Una sorta di melanconica no-wave che riuscirà ad emergere dalla polvere solo nel 1998 con ‘A Series of Sneaks’ (seguito dell’EP ‘Soft Effects’) dato alle stampe dalla Elektra. Passano tre anni e una serie di 7″, passano alla Merge, arriva ‘Girls Can Tell’, è il break, il suono Spoon definitivo, con Daniel ispirato vocalmente dal fantasma di Phil Lynott. C’è chi scrive che il disco è il loro ‘Pet Sounds’, il loro ‘Nevermind’. Tutto vero. Se andate a rispolverare il 2001 scoprirete come ‘Girls Can Tell’ sia stato uno degli album più votati in quell’anno. Il successivo ‘Kill The Moonlight’ dà il benvenuto alla parola “sperimentazione”. Piccoli geni. La conferma giunge puntuale nel 2005 con ‘Gimme Fiction’ trainato dal singolone ‘I Turn My Camera On’ che spinge l’album nella Top 50 di Billboard. Per molti però è solo un lavoro di transizione che apre le porte a ‘Ga Ga Ga Ga Ga’ autentica bomba che irrompe nella Top 10 della solita chart americana. Viene acclamato un po’ ovunque: “remarkable blend of focus and creativity”, “wonderfully singular indie rock record”, “most groove-oriented effort” e così via. Nel 2010 i nostri beniamini si migliorano. ‘Transference’ entra al numero 4 e Ben Conoley scrive: “With Transference, Spoon take a more minimalist approach than predecessors Ga Ga Ga Ga Ga and Gimme Fiction, demonstrating that great rock music doesn’t need more than confidence, swagger and good hooks”. Tutto chiaro no? E arriviamo all’ultimo periodo. ‘They Want My Soul’ esce nel 2014 via Loma Vista e segna il debutto del nuovo membro Alex Fischel. Due anni prima Britt Daniel era stato coinvolto nello splendido progetto Divine Fits con Dan Boeckner dei Wolf Parade. COS scrive: “the Austin rockers once again sound fresh, jubilant, and ready to have fun with their music…”. Ora tocca a ‘Hot Thoughts’ e non esitiamo a prevedere un incredibile percorso netto. (ET)

La band americana arriva in Italia per un’unica data.

12 novembre @ Santeria/Milano

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here