Puce moment: tra Kenneth Anger e la sperimentazione acustico-visiva

647

Puce Moment non è propriamente un gruppo, un duo, è più che altro un progetto ibrido-sperimentale a metà strada tra l’avanguardia musicale e le arti visive. Dietro al moniker, esplicito omaggio al bizzarro quanto stranamente attuale (sebbene datato 1949) cortometraggio del regista e sceneggiatore statunitense Kenneth Anger (guarda), si nascondono il “Lillois” Nicolas Devos e Penelope Michel meglio nota al popolo “underground” parigino come CERCUEIL (sostantivo francese per bara). Partendo dalla presentazione che i Puce Moment fanno di loro stessi sulla propria pagina facebook, emerge chiaramente come ciò a cui aspirano, attraverso la presa visione dei loro viedoclip e l’ascolto della loro musica, non sia un piacere fine a se stesso, ma stimolare nella mente e nell’animo di chi fruisce, sentimenti di distrazione, confusione, e disorientamento prima, fino ad arrivare ad una narcotica infernale fascinazione per qualcosa di non chiaramente definito, poi. Ne è un esempio il video e la musica di ‘Legacy‘, dove una certa ripetitività elettro-dronica del sound fa da accompagnamento ad un susseguirsi di immagini in bianco e nero dal senso poco chiaro, oppure ancora ‘Drive‘ dove la narrazione comincia con il lancio a tutta velocità in un paesaggio desertico non troppo dissimile da quello dello “Zabriskie Point” Antoniano. Ma Puce Moment è soprattutto improvvisazione live, proiezioni di immagini noir-fantasmagoriche sapientemente intrecciate a luci e suoni. E’ in parte la testimonianza del percorso a cui un certo tipo di musica, sopratutto quella elettronica, sta tendendo in questi ultimi tempi. Andare ad un concerto comincia a diventare sempre di più infatti, un’esperienza sensoriale a più dimensioni, un viaggio che coinvolge interamente anima e corpo, forse per sopperire a quella “ristrettezza” esistenziale a cui siamo sempre di più relegati a vivere “grazie” all’abuso di internet e dei social network anche per il  tempo libero e le relazioni interpersonali. All’attivo i Puce Moment in ogni caso hanno un album omonimo reperibile sulla loro piattaforma bandcamp, realizzato più o meno un anno fa e masterizzato da Joe Lambert, la stessa testa per intenderci che ha messo mano ai mastering di Animal Collective e Dirty Projectors. Uno sperimentale d’avanguardia dunque di non scontata qualità musicale.

Daniela Masella

danielamasella@gmail.com

facebook: Daniela Weiße Rose

twitter: mascia84