Police des Mœurs: la purezza del synth viene dal Canada, canta francese e ha una etichetta romana!

771

Police des Mœurs ovvero il corrispettivo francese del concetto di “squadra del buon costume” è il  gruppo synth del momento. Nato 4 anni fa a Montreal da una idea di Francis, Anouk, Fred e Cristine, i Police des Mœurs fanno razzia dell’inessenziale per offrire un suono spoglio, umido, malinconico, freddo, vuoto, ma consono al tempo stesso a riempire gli spazi di quel mare infinito di anime afflitte che se ne vanno di questi tempi più o meno vive in giro per il mondo. ‘Tout ce qui te fait mal te fait du bien’, ‘Un monde sans évasion possible’, ‘Rôles inversés’, ‘La politique de la division’, sono solo alcuni dei loro cavalli di battaglia che suonano bene tanto a Paris, quanto a Berlino e/o a Roma. Alla base una costruzione melodica fortemente sintetica del tutto simile a quella di altri importanti nomi della darkwave contemporanea, come i newyorkesi Xeno & Oaklander, i greci Lebanon Hanover, i più datati ma sempre francesi Martin Dupont, e ancora i più recenti (forse ancora sconosciuti aldilà dei confini francofoni), Trésors o Sommet. Nostalgia, scorrere inesorabile del tempo, illusione della ribellione, perdita di ideali, assenza di emozioni sono le tematiche affrontate in un ottica appunto di evasione dal controllo delle norme morali che albergano inconsciamente in ognuno di noi. E tra i tanti lavori e melodie che si possono scoprire ed ascoltare in streaming sul loro profilo bandcamp, anche una piacevole sorpesa degna di nota ed attenzione soprattutto per i seguaci italiani di questo genere di sound. Dopo varie pubblicazioni sotto giustamente la label canadese Visage Musique, per il loro prossimo singolo i Police des Mœurs hanno scelto l’etichetta romana Mannequin Records. Una piccola quanto valida etichetta che sta riuscendo pian piano nell’ardua impresa di far risorgere dalle ceneri una scena synth pop da troppo assente nel nostro bel paese. Il nuovo singolo che uscirà il prossimo 9 dicembre è intitolato ‘Ta fin du monde’ e lo si può ascoltare in anteprima su soundcloud, godendo appieno di quella romantica depressione anelante stelle che la sola purezza del synth è capace di restituire.

Daniela Masella

danielamasella@gmail.com

facebook: Daniela Weiße Rose

twitter: mascia84

4 COMMENTS

  1. Ringrazio per l’articolo ma bisognerebbe informarsi.. definirci ancora “piccola etichetta romana” dopo 50 release e un anno che ci siamo trasferiti in Germania.. insomma.. ecco.

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here