Pigbag: 30 anni dopo

562

Si erano riformati nel 2011 per un unico show e a gennaio hanno annunciato il nuovo album a trent’anni dallo split, rivampati in una line-up che comprende Chris Lee, Ollie Moore e Kofi Adu, oltre ad un paio di membri che supporteranno i tre dal vivo. I Pigbag dunque fuori a marzo con il terzo album ‘Year Of The Pigbag’ (via Sugar Shack Records): “Pigbag shared their vision of fusing African grooves, jazz, Latin, funk and dance beats into a heady new cocktail, a nonstop dance party of the highest order with echoes of the JBs, Fela Kuti and Sun Ra’s Arkestra yet entirely different and their own unique creation. In via di definizione alcune date europee in autunno, tra quelle già confermate una in Olanda e una in Belgio.

Originale quanto stravagante formazione di Cheltenham (Bristol) composta nel 1980 dall’ex Pop Group Simon Underwood (basso), l’ex Hardware James Johnstone (sax alto, chitarra), Chris Lee (tromba), Ollie Moore (sax tenore), Roger Freeman (trombone), Chip Carpenter (percussioni), il fondatore Chris Hamlyn (clarinetto, percussioni) e Mark Smith (basso). Esordiscono nel 1981 con il celebre singolo ‘Papa’s Got A Brand New Pigbag’ – prima dell’uscita Hamlyn ha giù lasciato il gruppo – licenizato sulla neonata etichetta di Dick O’Dell Y Records (nome preso dal grande album proprio del Pop Group). Il singolo strumentale diviene in breve tempo un hit nelle chart indipendenti, grazie al trascinante groove dance immerso in atmosfere che hanno ancora il sapore prettamente new wave. Dopo la realizzazione del primo fortunato lavoro Freeman lascia (lo ritroviamo nei Doctor Calculus con Stephen Duffy) sostituito dall’ex Shriekback Brian Nevill (batteria) e Oscar Verden (trombone, tastiere). La formazione però non riesce a ripetere gli standard degli esordi, provano ad aggiungere una vocalist nella persona di Angela Jaegar (1983) che di lì a poco sposerà Underwood, ma proprio quest’ultimo decide di abbandonare per raggiungere i Rip, Rig & Panic. Lo stesso musicista con la Jaeger e Johnstone forma gli Instinct nel 1985 che firmano per la ZTT di Trevor Horn sulla quale realizzano l’unico singolo Swamp Out. Ollie Moore entra nei Float Up CP e più avanti collaborerà con i Red Snapper. [da Guida Discografica New Wave]

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here