Perché il nuovo anche se ripetitivo è bello: i Von Pariahs

485

Nella ripetizione si cela il sublime, o qualcosa del genere. Insomma cosi pare sia stato affermato da Brian Eno che di musica e ripetizioni fino a prova contraria – e su questo probabilmente tutti saremo d’accordo – se ne intende davvero. Ma veniamo al punto di una tale introduzione. I Von Pariahs, gruppo anzi sestetto di Nantes, di cui per una volta non indagheremo sull’appellativo scelto, visto che suona come un nome proprio di persona, un cognome forse tedesco, sembrano aver fatto della ripetizione o meglio del riproporre qualcosa che di certo nuovo non è, il loro punto di forza. E questo perché sostanzialmente sono bravi, ma bravi davvero, e quindi anche se non originali, regalano freschezza e amabilità di ascolto. Si potrebbe cominciare da un pezzo di non ultimissima uscita come ‘Someone New‘ un piccolo gioiellino, in cui  si riconoscono immediatamente i principi estetici di “interpoliana” memoria: giri di basso a folle, voce grave e spenta filtrata da una sorta di effetto citofono, che interviene puntualmente a smorzare il refrain più  in stile Talking Heads o The Stooges,  scandito dalle parole “I want you to love me the way I do”. Si potrebbe proseguire poi con ‘Skywalking’, pezzo dalla struttura musicale molto semplice ma che non potrà farci evitare di ripensare al buon vecchio Ian Curtis, ritrovandoci senza rendercene conto a ripetere in testa anche noi con tanto di violenza e fermezza “I am a skywalking, skywalking!”. Seguono ‘Still Human’ e ‘Gruesome‘, che ricorda invece gli Arctic Monkeys dei primi tempi, quelli di ‘Cornerstone’. Brani o meglio cavalli di battaglia questi ultimi due, dell’ultimo album dei Von Pariahs ‘Hidden Tensions’, uscito lo scorso settembre e prodotto da niente di meno che uno dei membri degli Holograms. Insomma un buon lavoro, di certificata qualità, che di certo non ci svelerà nulla di nuovo ma che offre gradevolezza e leggerezza di spirito.  Ascoltare per credere.

Daniela Masella

danielamasella@gmail.com

facebook: Daniela Weiße Rose

twitter: mascia84

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here