One Dimensional Man @ Bronson [Ravenna, 23/Ottobre/2010]

581

Un atto di sabotaggio esoterico alla matrice. Ecco, per quel che mi riguarda la recensione di questo concerto potrebbe tranquillamente terminare anche qui. Non mi sento di dire molto altro a proposito di un live act già visto e discusso da moltissimi che per equilibrio, determinazione, presenza, sotterranea femminilità e onda d’urto merita una delle nostre preziose sere. Andiamoci. Dany Greggio – amico e compare di Pierpaolo Capovilla nel lontano esordio comune con gli Holy Guns Inc ma anche cantante, attore, icona di Motus Teatro per oltre un decennio, autore per La Crus e Cristiano De Andrè, magnifico cuoco e padre di un figlio biondissimo… può bastare? – mi introduce nelle stanze affrescate di questo palazzo che si ostina stoicamente a non crollare, che continua a galleggiare. E’ un labirinto di siepi antiche, e c’è della autentica bellezza. Nei camerini la band ci accoglie con estrema cortesia. A fare gli onori di casa un Capovilla sulfureo e magnetico, dall’eleganza raffinata e primitiva. Attualmente, nel cosiddetto panorama musicale italiano, la posizione dei ODM è decisamente di favore – così come quella dei fratellastri tra gli orrori del teatro – e credo che oggi come oggi nemmeno Tutto Uncinetto contesterebbe il loro lavoro. L’aria che tira intorno a loro mi ricorda un poco quella che si respirava dieci, quindici anni or sono con la signorina Kuntz. E questa devozione supina forse non è un bene. Ma – perché c’è sempre un ma in questi casi – trovo totalmente lecita, meritoria e sudata la loro posizione. Dunque chapeau. Perché ci credi. Guardi un live dei ODM e a quello che accade sul palco ci credi. Bottigliero, Favero e Capovilla sono i templari elettrici di questo nostro tempo, di questo nostro crepuscolo. Almeno per una notte. E Dany, la stessa notte, il mio Virgilio.

Giuseppe Righini

2 COMMENTS

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here