Michael Rother & Friends @ Circolo degli Artisti [Roma, 27/Ottobre/2010]

751

L’orologio segna le 7 e 30 e tutti i rumori sono al loro posto. Il traffico nevrotico, gli schiamazzi iperattivi delle scolaresche all’entrata del grande istituto, il calpestio della frenesia diretta al lavoro, gli scooter arroganti che pigiano lesto sull’acceleratore, le urla di sbrigativi operatori ecologici che riportano indietro il film all’era dell’uomo eretto. Da dentro, questo mondo viene leggermente attutito, ovattato. Mentre la condensa provocata dalla tazza di caffè abbondantemente macchiato, ha velocemente aggredito gran parte della finestra, ormai rivolta al tiepido sole mutante. I miei pensieri si concentrano qui. Provo ad elaborare le emozioni di una serata unica, senza tempo, irripetibile, finanche storica. E per una volta ho voglia di farmi disarcionare da Ronzinante, ho voglia di godermi le parole del cuore, lasciando da parte l’eterna battaglia contro i mulini a vento. Cosa volete che mi importi, oggi, redarguire chi non c’era. A cosa serve puntare l’indice sugli assenti, sugli stolti, sull’ignoranza, sui superficiali, sugli ordinari, sui bla bla bla, sui filosofi di strada, sui grandi luminari della carta stampata poco e mal inchiostrata. Guardo Matilde e penso alla vita. Alla nascita. Alla purezza. All’origine. Ai Neu!. Da dove (quasi) tutto è partito. In un gioco da “Ritorno Al Futuro”, con la possibilità di tornare indietro all’anno nodale 1971 nella fredda e sinistra Düsseldorf, potreste vedere scomparire pian piano le foto di gran parte del “libro” della storia musicale. In un attimo. In un secondo di quel cosmo attraverso il quale i Neu! hanno viaggiato liberi di sperimentare, liberi di forgiare la pietra angolare (se fossimo cristiani capiremmo) su cui gli altri hanno saputo erigere (nel bene o nel male) le forme diverse. Tracce del genio inarrivabile di Klaus Dinger e Michael Rother sono ovunque. Come frammenti di materia cosmica, particelle che non emettono luce, che non possono essere viste, e che quindi possono essere rilevate solo dagli effetti che provocano sulla materia visibile. Effetto sulla materia. L’essenza dei Neu! è proprio questa. Effetto sulla materia. Qualche nome tra centinaia di nomi, per non dimenticare. David Bowie, Iggy Pop, John Lydon (quel punk, i PiL), Joy Division, Sound, Wire (quel post punk), Pere Ubu, Julian Cope (ovviamente), Ultravox (il synth pop), Sonic Youth (anche quel noise), Stereolab, Autechre, Legendary Pink Dots, Porcupine Tree, Simple Minds, Mouse On Mars, To Rococo Rot, Trans AM, The Early Years, Chemical Brothers, Primal Scream, Fennesz, Radiohead, Broadcast, U2, Negativland, Fujiya & Miyagi, Polysics, OMD. Una lista a memoria che potrebbe estendersi per qualche altro metro quadro. Effetto sulla materia.

Klaus Dinger da più di due anni non c’è più, liberato per sempre in quello spazio siderale, che aveva eccellentemente contribuito a rendere conosciuto. Michael Rother ha invece da poco compiuto 60 anni. Qualche ruga, impassibile dietro al suo banco laptop che nasconde anche una chitarra che userà in più di un’occasione, è il motore di questo straordinario progetto. Non una mera-commerciale-triste rivisitazione stile “greatest hits”, ma un’attualissima proposta giocata su una scaletta clamorosa. Un viaggio senza ritorno legato da una intelligente concatenazione di brani su cui forse nessuno avrebbe scommesso. Con lui due compagni d’eccezione. Anche loro legati in qualche modo dal tutto torna musicale. Steve Shelley batterista dei Sonic Youth (recentemente visto nel side project The High Confessions) e il bassista Aaron Mullan dei newyorkesi Tall Firs (nascita in Maryland, due album all’attivo di indie-folk-amiamo Nick Drake, il drummer dei quali – Ryan Sawyer – è stato uno dei primi batteristi degli At The Drive-In) guarda la coincidenza di casa proprio alla Ecstatic Peace di Thurston Moore.

Il vento ha deciso di tagliare forte. E in apertura lo stesso vento viene convogliato nell’esibizione kraut-catacombale del progetto Mamuthones cui alla testa troviamo Alessio Gastaldello dei Jennifer Gentle. Line-up in quartetto per proporre brani dell’ultimo album ‘Sator’, praticamente all black, tra echi medievali, sinistri e spettrali squarci gregoriani, il tutto ammantato di sapore Tangerine Dream. Bravi ma alla lunga sfiancanti. Mentre la sala del club comincia, fortunatamente, a riempirsi. Di over 30 ma a riempirsi. Un breve cambio palco ed è tutto pronto.

Rother si piazza alla sinistra, molto somigliante al Dottor McCoy di Star Trek, Steve Shelley con qualche chilo di troppo al centro del palco, mentre lo schivo bassista Mullan alla destra del triangolo. Si attendono i pronosticati/annunciati sei brani, di circa 10 minuti ciascuno, dunque un’ora di concerto. Non sarà così. Perchè alla fine i brani saranno otto, compreso un inaspettato bis dedicato ad una monumentale Vs devastante ‘Negativland’. Una rappresentazione in crescendo. Originali che si trasformano in versioni semi-stravolte a toccare l’immacolata discografia dei Neu!, quella poco nota del Rother solista – preferito l’ultimo del 2004 ‘Remember (The Great Adventure)’ -, quella salvifica e celebrativa dei magnifici Harmonia (progetto post-Neu! creato assieme ai Cluster Hans-Joachim Roedelius e Dieter Möbius, con una fondamentale collaborazione di Brian Eno), senza escludere un paio di brani “nuovi” che il trio ha presentato nella parte centrale del set. C’è curiosità ed euforia. Quando il “motorik” accende le luci il viaggio inizia e non avrà nessuna sosta. A colpire immediatamente è la purezza del suono. La straordinaria voluminosità del suono. Inconfondibile, seminale, fondamentale marchio di fabbrica. Impassibili (apparentemente) dietro ai loro strumenti. Rother abbraccia la chitarra e idealmente crea una sorta di flashback storico attraverso il quale condurre alla conoscenza noi poveri mortali. Da ‘Hallogallo’ alla semi-ferale ‘Neutronics 98’, dichiarato tributo a Conny Plank presente nel disco ‘A Homage To NEU!’ uscito proprio dodici anni fa, e ancora il Rother solista (‘Aroma Club B3’) e le rivisitazioni attuali di quello che doveva essere ‘Neu! 4’ e che invece oggi è diventato ‘Neu! 86′.

L’emozione sale. Rother e i suoi amici hanno ormai lasciato libero ogni sentimento, il motore gira a mille, ed il suono si fa ora completo, mostruosamente totale. Il genio di Amburgo si prende 10 secondi di pausa per ringraziare i convenuti, per presentare i suoi compari, per sorridere educatamente. E’ il momento Harmonia. Quando partono le prime inconfondibili note di ‘Deluxe (Immer Wieder)’ si alza il boato del pubblico. Stratosferici. Mi giro e vedo sorrisi inebetiti di giubilo stampati sulla faccia di molti. Poi sarà solo una caduta libera in una trance collettiva. Un rito primordiale difficile da abbandonare. All’origine dell’universo. Discretamente salutano come discretamente erano entrati. Ma il richiamo del pubblico è forte. Troppo forte. Tornano dopo qualche istante lasciando ai posteri un’altra ragione di vita. ‘Negativland’ è la pietra miliare della serata. Fonte rivelatrice di suoni e misteri. Abbaglianti. Michael Rother, l’ultimo corriere. L’unico Dio.

“Klaus and I had more in common, that was apparent without even talking. We had this idea of a fast, forward movement so we just decided to start Neu! and to record our album with Conny Plank, which was of course the perfect decision”.

Emanuele Tamagnini

3 COMMENTS

  1. chi non c’era s’è perso un pezzo di storia della musica. è stata la prima volta che mi sono messo a piangere dall’emozione a un concerto rock. e mi scende una lacrimuccia anche leggendo questa recensione. bioparco.

  2. tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha tu tu tu cha

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here