Micah P. Hinson @ Circolo degli Artisti [Roma 11/Ottobre/2006]

439

Per andare a vedere Micah P. Hinson dal vivo bisognava essere un minimo preparati. Come dire, è già difficile immaginarsi una voce così profonda e drammatica che cammina. Vedersela poi, prima del concerto, impadronirsi di un corpo ancora così acerbo, intimidito e quasi goffo, come quello del nostro ventitreenne texano che arrossisce pure sistemandosi i cavi e il microfono viene l’idea di prepararsi ad assistere a qualcosa di molto simile ad una puntata di Ralph super Maxi eroe. Nel senso di un tizio, ancora non (del tutto) in grado di gestire un super potere immane come quello del suo innato talento. Nel momento in cui attacca, però, ti devi rimangiare tutto. Sarà la galera, il suo passato da homeless o le centinaia di concerti che ha già macinato tra due continenti, ma bisogna ammettere che il biondino nato a Memphis il giorno dell’attentato a Ronald Reagan (lui pare orgoglioso di questa cosa…) ha una padronanza del palco assolutamente strepitosa. Quasi inarrivabile rispetto a quella degli altri (timidissimi anche loro) componenti della band che si porta dietro, che non sono più gli Earlies e si vede. A lui però non serve molto di più, bastano una Squier (rozza sottomarca della Fender) e un paio di Nike Air andate fuori moda dodici anni fa per attraversare i generi più vicini all’anima e su cui non basterebbero sette vite per capirli tutti. Lui probabilmente senza neanche averli mai sentiti domina gospel, blues e country come neanche glieli avessero insegnati a scuola e parla di storie d’amore nemmeno avesse dormito (?) in cella con Johnny Cash. Il fatto che un’etichetta infallibile in ambito indie come la Jade Tree (solo quest’anno Snowden, These Arms Are Snakes, Panda & Angel tutti insieme) si sia fatta in quattro per scritturarlo serva a convincere anche i più scettici nei confronti del folk americano. Fidatevi. Anche a me Springsteen ha sempre fatto cagare.

Federico Vignali

Micah P. Hinson @ Spazio 211 (2009)
Micah P. Hinson @ Circolo degli Artisti (2007)

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here