Liars @ Hiroshima Mon Amour [Torino, 25/Settembre/2008]

418

Dopo due anni di assenza ecco i Liars, di nuovo e finalmente a Torino e per l’aggiunta gratis. Il solo fatto che sia un concerto gratuito, e sponsorizzato dal Traffic, attira una marea di persone alcune venute apposta per il concerto altre forse per curiosità, salvo poi uscire dal locale non appena i tre hanno dato fuoco alle polveri. Ma ogni concerto dei Liars è un’esperienza unica e anche se già visti, uno si sente in dovere di tornare, perchè se su supporto sono bravi, dal vivo ti portano in un’altra dimensione, fatta di doppie percussioni, urla, note a cui uno non si può sottrarre. Ad ogni pezzo di ‘Drum’s Not Dead’ c’è acclamazione ed è inevitabile lasciare andare teste e gambe seguendo ritmiche a volte più marcate e dirette altre decisamente più tribali. Angus Andrew (voce e chitarra del gruppo) non si risparmia mai: urla i suoi testi, vaga da una parte all’altra del palco con le sue mosse naturali e con pochi attimi di calma tra un pezzo e l’altro si riparte con il consueto delirio da palco. I Liars coinvolgono così tanto sul palco  che il tempo passa senza nemmeno accorgersene e quell’ora di concerto è sempre troppo poca. Certo, nell’attesa di un altro live restano i CD da ascoltare all’infinito, ma dopo averli visti dal vivo non è più lo stesso ascolto.

Andrea Sassano

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here