Iron & Wine @ Alcatraz [Milano, 5/Febbraio/2018]

124

A poco meno di un anno dalla sua ultima fatica discografica, Samuel Ervin Beam, più noto come Iron & Wine, è passato da Milano per la data italiana del tour a supporto di “Beast Epic”. Dopo l’annuncio del concerto al Santeria Social Club, la risposta di pubblico parecchio superiore alle aspettative ha costretto gli organizzatori a optare per un cambio di venue. Il concerto si è quindi tenuto all’Alcatraz, una delle principali sale concerto meneghine, per la circostanza ridotta a poco meno di metà della sua capienza massima, ma comunque esaurita già nel pomeriggio. Essenziale ma parecchio suggestiva la scenografia, con il cielo sullo sfondo e qualche nuvoletta più in alto, a illuminare l’Alcatraz con colori caldi. Il folksinger americano si è presentato sul palco puntuale, accompagnato dalla sua band: chitarra, tastiera elettrica, contrabbasso e violoncello per disegnare atmosfere mai troppo simili a se stesse, capaci di rendere il live un’esperienza molto godibile. Corposissima la scaletta: i pezzi proposti sono stati addirittura venti, due dei quali realizzati in solitaria, con voce e chitarra (“Bitter Truth”, “God Made The Automobile”), per novanta minuti abbondanti di concerto. Molto rappresentato, prevedibilmente, l’ultimo “Beast Epic”, ma non è mancata qualche sorpresa come “Lion’s Mane”, estratta dal disco di debutto e parecchio apprezzata dai presenti, che hanno potuto perdonare la mancata esecuzione dell’attesa “Naked As We Come”. Le note melliflue e avvolgenti di “The Trapeze Swinger” hanno inaugurato un live proseguito sulle trame più ruvide di “Monkeys Uptown”. Il concerto ha poi conosciuto un lento e lungo climax, partito dalla tensione superficiale di “Grace For Saints and Ramblers” e chiuso con le classiche “Boy With A Coin” e una “Woman King” dominata dal violoncello e più distorta rispetto alla versione studio. “Bird Stealing Bread” e “Fade Into You” dei Mazzy Star, in reprise, hanno suggellato un live trascorso su livelli alti senza soluzione di continuità e salutato calorosamente da tutti i presenti. In perenne tensione fra umore cantautorale e sonorità folk, Sam Beam è parso in grado di esercitare un’attrazione magnetica sugli spettatori. Chi si aspettava di incontrare un cantautore dal fascino un po’ dimesso, quello tipico dei maestri del genere, si sbagliava: l’artista originario della Carolina del Sud ha saputo ridere e scherzare con il pubblico, raccontando qualcosa del proprio tour e non lesinando complimenti a un pubblico partecipe ma totalmente assorto nell’ascolto del concerto, cosa che, purtroppo, non accade poi così frequentemente. Iron & Wine ha superato la prova del live, confermando di essere uno degli artisti più in salute sulla scena folk americana.

Piergiuseppe Lippolis

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here