Impact @ Traffic [Roma, 10/Gennaio/2009]

491

C’erano veramente tante creste. Mi sa che non ne ho mai viste così tante al Traffic. Il locale è pieno fino all’orlo di chiodi borchiati, scarponi, toppe dei Discharge che si mischiano a casaccius normo-vestiti a testimoniare quanto il punk, anche quello più becero, stia iniziando ad essere accettato e sdoganato anche nella nostra bella penisoletta come già avviene da anni nelle isole della regina. Dal roster dei gruppi, già si prevedeva che la serata sarebbe stata ad alta percentuale di divertimento: punk rock, crust, thrash tutti in un solo spettacolo, ma ovviamente il culmine lo avremmo avuto con lo show degli Impact. Ero già pronto alla delusione dopo i recenti live delle reunion senza senso dove la maggior parte del fomento del pubblico è legata alla nostalgia. Invece i ferraresi sono riusciti a spezzare questa tendenza deprimente con un concerto favoloso e tiratissimo. Certo, la presenza scenica non era proprio il massimo e anche la voce del cantante ha iniziato a cedere dopo mezz’ora, ma sono comunque riusciti a trasmettere un’energia enorme, e quindi dita, pugni e creste al cielo ad urlare “per voi tutto il mio odio”, pit selvaggio ed essere umani che volavano dal palco. Bella serata e bel concerto anche per gli Anti-You che si confermano uno dei migliori gruppi HC romani. Anche per loro mucchi selvaggi come se piovessero durante ogni canzone. Me so divertito. Soprattutto a guardare i punk con le creste appiattite che uscivano fuori dal locale a fine serata…

Andrea Di Fabio

1 COMMENT

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here