I miei anni ottanta. The best albums of the 80’s.

1930

I miei adorati anni ’80. I miei indimenticabili anni dell’adolescenza (inquieta). Quanto volte ho scritto di quel periodo. Delle corse con l’insuperabile Piaggio Si quello della prima serie con le ruote a raggi come il Ciao. Quante volte ho ripensato alla grande nevicata del 1985, alle buste di plastica trasformate in velocissimi slittini, a quella collinetta proprio davanti alla scuola. Alle labbra calde del primo amore e ai baci nascosti dietro al muretto di quell’ampio cortile che raccoglieva le finestre indiscrete delle case popolari, quelle di una volta, piccole, ma costruite con criterio e intelligenza. Quante volte ho ripensato alle feste fatte in casa, ai dischi lenti tutti made in UK, ai pomeriggi passati davanti alla TV a vedere i duelli tra McEnroe e Ivan Lendl, alle Adidas Los Angeles che abbinavo con quel pantalone blu misto flanella e la cravatta misto lana che dava sul celeste, ai primi Camperos, all’odore degli adesivi che si “raccoglievano” nei negozi. Quante volte ho ripensato alla strada, alla sala giochi, agli occhi di mia madre che una volta decise di pedinarmi, agli schiaffi presi e dati quando si voleva gonfiare il petto con i ragazzi delle altre combriccole, ai pomeriggi passati ad aspettare le ragazze, le tre sorelle che avevano il negozio d’abbigliamento sulla grande via che da casa mia portava alla piazza principale. Un punto di ritrovo. Tutte le quattro stagioni trascorse accovacciati sui motorini ad attendere che una chioma bionda uscisse per un saluto, per un sorriso. Quante cassettine C-60 ho dovuto creare e poi regalare, compilazioni che rimpiango con estrema commozione, soprattutto quando ripenso alla grande “M” verde della prima Video Music, alla struggente voce di Paddy McAloon che riusciva a toccarmi il cuore ogni volta che partiva ‘When Love Breaks Down’, a quella dolce e malinconica di Peter Coyle nella devastante bellezza di ‘The First Picture of You’, al new romantic, al synthpop che invadeva il mondo, all’heavy della NWOBHM, ai quei dischi acquistati al “buio” solo perchè la copertina era così bella, al cugino Adriano che in un pomeriggio d’estate mi chiuse nella sua ormai ex-cameretta per lobotomizzarmi con Journey, Kiss, Rick Springfield, The Police, Roxy Music (ma Brian Eno non c’era più), Def Leppard e Toto, al poster gigante di Bruce Springsteen che mangiava in testa agli inserti centrali di Ciao 2001, ai buchi alle pareti, alle prime liste della rivoluzione Compact Disc, a David Bowie che tornava con Steve Ray Vaughan esortando tutti a “ballare”, a Freddie Mercury travestito da casalinga, a quelle serate carbonare su Rai 3 durante le quali si potevano vedere i live di Little Steven e Night Ranger, alla mia città che era tanto dark e ancora tanto punk, alla scoperta dell’hardcore americano e a quella un po’ tardiva di Ian Curtis, mentre le feste cambiavano e le ragazze non erano più una chimera. E poi una volta mi ritrovai in mano ‪Joe Dallesandro‬. Uno di quegli incontri che riescono a cambiarti la vita, o quantomeno la visione che fino a quel momento hai della vita. La seconda metà degli anni ’80 fu meno istintiva, meno ingenua, ma altrettanto ricca ed emozionante. In ogni senso. Arrivò (tutto) il resto, i semi di quello che avrebbe germogliato (detonando) nella decade seguente. Odiavo la faccia indisponente di Ian Brown e quei bucket hat calcati quasi sopra agli occhi, continuavo a scoprire Tom Waits, tornavo indietro per riprendere il significato di “noise”, mentre l’Hollywood Boulevard aveva già lanciato una delle più grandi truffe del rock’n’roll: lo sleazy, il glam metal, il rossetto era nuovamente di moda. Ma i Guns N’Roses arrivarono per restare. Il crossover, Trent Reznor, band ibride e bastarde, proto-qualsiasi cosa. Poi per fortuna i Nirvana spazzarano l’aia dai retaggi rugosi del passato, dalle corna al cielo, dai giubbotti di pelle e dalle borchie, dalle elucubrazioni del progressive, dalle cose vecchie. I miei adorati anni ’80. Scambiati ancora oggi per anni di plastica, l’edonismo da bar, il playback, la paccottiglia tutta italiana, fenomeni da spiaggia e meteore usa e getta. I favolosi anni ’80 che ricordo anche attraverso la lista di seguito riportata. 100 album dai quali non mi separerei mai. Una scelta difficile, impossibile quando si tratta di prendere e lasciare, ma certamente una scelta di cuore.

1. AC/DC – Back in Black (1980)

2. David Bowie – Scary Monsters (and Super Creeps) (1980)

3. The Clash – Sandinista (1980)

4. Joy Division – Closer (1980)

5. PiL – Second Edition (1980)

6. The Sound – Jeopardy (1980)

7. Bruce Springsteen – The River (1980)

8. Talking Heads – Remain in Light (1980)

9. The Feelies – Crazy Rhythms (1980)

10.Split Enz – True Colours (1980)

11.Young Marble Giants – Colossal Youth (1980)

12. X – Los Angeles (1980)

13.Black Flag – Damaged (1981)

14.The Cramps – Psychedelic Jungle (1981)

15.The dB’s – Stands For Decibels (1981)

16.Iron Maiden – Killers (1981)

17.Joan Jett – I Love Rock’n’Roll (1981)

18.Journey – Escape (1981)

19.Kraftwerk – Computer World (1981)

20.Psychedelic Furs – Talk Talk Talk (1981)

21.Neil Young – Re-ac-tor (1981)

22.Elvis Costello And The Attractions – Imperial Bedroom (1982)

23.Duran Duran – Rio (1982)

24.The Gun Club – Miami (1982)

25.Michael Jackson – Thriller (1982)

26.The Jam – The Gift (1982)

27.Orange Juice – You Can’t Hide Your Love Forever (1982)

28.Roxy Music – Avalon (1982)

29.Bruce Springsteen – Nebraska (1982)

30.David Bowie – Let’s Dance (1983)

31.Def Leppard – Pyromania (1983)

32.Eurythmics – Sweet Dreams (Are Made Of This) (1983)

33.Billy Idol – Rebel Yell (1983)

34.Journey – Frontiers (1983)

35.New Order – Power, Corruption & Lies (1983)

36.The Police – Synchronicity (1983)

37.R.E.M. – Murmur (1983)

38.Spandau Ballet – True (1983)

39.Talking Heads – Speaking In Tongue (1983)

40.Tears For Fears – The Hurting (1983)

41.U2 – War (1983)

42.Violent Femmes – Violent Femmes (1983)

43.Big Country – Steeltown (1984)

44.The Cars – Heartbeat City (1984)

45.Cocteau Twins – Treasure (1984)

46.Echo & The Bunnymen – Ocean Rain (1984)

47.Hanoi Rocks – Two Steps From The Move (1984)

48.Hüsker Dü – Zen Arcade (1984)

49.Minutemen – Double Nickels on the Dime (1984)

50.Nick Cave & The Bad Seeds – From Her To Eternity (1984)

51.Prince – Purple Rain (1984)

52.The Replacements – Let It Be (1984)

53.Simple Minds – Sparkle In The Rain (1984)

54.The Smiths – The Smiths (1984)

55.Bruce Springsteen – Born In The USA (1984)

56.Talk Talk – It’s My Life (1984)

57.Ultravox – Lament (1984)

58.U2 – The Unforgettable Fire (1984)

59.Van Halen – 1984 (1984)

60.The Cult – Love (1985)

61.Heart – Heart (1985)

62.The Jesus and Mary Chain – Psychocandy (1985)

63.Madonna – Like A Virgin (1985)

64.Stevie Nicks – Rock A Little (1985)

65.The Pogues – Rum, Sodomy and the Lash (1985)

66.Prefab Sprout – Steve McQueen (1985)

67.The Smiths – Meat Is Murder (1985)

68.The Style Council – Our Favourite Shop (1985)

69.Tom Waits – Rain Dogs (1985)

70.The Smiths – The Queen Is Dead (1986)

71.XTC – Skylarking (1986)

72.Aerosmith – Permanent Vacation (1987)

73.Depeche Mode – Music for the Masses (1987)

74.Dinosaur Jr. – You’re Living All Over Me (1987)

75.Guns N’ Roses – Appetite For Destruction (1987)

76.The Pastels – ‪Up for a Bit with The Pastels‬ (1987)

77.Primal Scream – Sonic Flower Groove (1987)

78.The Replacements – Pleased to Meet Me (1987)

79.Warren Zevon – ‪Sentimental Hygiene‬ (1987)

80.Tracy Chapman – Tracy Chapman (1988)

81.The House Of Love – The House Of Love (1988)

82.Jane’s Addiction – Nothing’s Shocking (1988)

83.Living Colour – Vivid (1988)

84.Morrissey – Viva Hate (1988)

85.My Bloody Valentine – Isn’t Anything (1988)

86.The Pixies – Surfer Rosa (1988)

87.Sonic Youth – Daydream Nation (1988)

88.Talk Talk – Spirit of Eden (1988)

89.Bad English – Bad English (1989)

90.Beastie Boys – Paul’s Boutique (1989)

91.The Cure – Disintegration (1989)

92.Bob Dylan – Oh Mercy (1989)

93.Galaxie 500 – On Fire (1989)

94.Mother Love Bone – Shine (1989)

95.Mudhoney – Mudhoney (1989)

96.Nirvana – Bleach (1989)

97.Lou Reed – New York (1989)

98.Spacemen 3 – Playing with Fire (1989)

99.The Stone Roses – The Stone Roses (1989)

100.Vain – No Respect (1989)

Emanuele Tamagnini

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here