Geoff Barrow (Portishead): veleno sull'Italia

617

Un’inguardabile Inghilterra viene battuta da un onesto Uruguay ed è con un piede quasi fuori dal Mondiale. Tra i milioni di tifosi inglesi che commentano la partita via Twitter c’è anche Geoff Barrow, classe 1971, noto ai più per essere uno dei Portishead (ma la sua carriera si snoda tra produzioni, opere di remix, Dj set, progetti paralleli – i recenti Beak – passione per la sua Invada Records). Geoff Barrow è anche un acceso supporter di calcio. Fin qui tutto bene. Tutto normale. Durante i 90 minuti di Uruguay-Inghilterra il bersaglio di Barrow è Wayne Rooney, l’aria è tesa, fino al pareggio proprio del numero 10 inglese, poi il nuovo svantaggio e l’inevitabile sconfitta. Il destino della squadra di Hodgson è legato all’Italia. Due vittorie degli azzurri con Costarica e Uruguay permetterebbero (forse) agli inglesi (che dovranno battere i centroamericani) di qualificarsi. Geoff Barrow così, lungo 3 deliranti tweet, scrive quanto segue:

So… your telling me I have to support Italy? Fuck off. I will never support Italy as a football team and unless I see any different I won’t play music there again either. I’ ve played in Italy loads and they have always been the most terrible gigs, even last year it was shocking“.

Quindi ritwitta un post di Mario Balotelli (If we beat Costa Rica i want a kiss,obviously on the cheek, from the UK Queen..”) e probabilmente (finalmente) si addormenta.

Ma nella notte rieccolo ancora: “I’ve just woken up on the sofa with 2 empty bottles of portuguse wine and a half eaten chicken and load of online abuse from Italians?”.

Peccato che noi i Portishead ce li ricordiamo così.

Portishead @ Ippodromo delle Capannelle [Roma, 27/Giugno/2012], Portishead + Savages @ Zitadelle [Berlino, 18/Giugno/2013]

To be continued…

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here