Gary MOORE – R.I.P.

623

Commozione e incredulità. Questi i sentimenti che proviamo nel scrivere la notizia che riporta l’improvvisa scomparsa di uno dei più grandi chitarristi rock blues della storia. Gary Moore è morto in Spagna all’età di 58 anni nella sua stanza d’albergo al Kempinski Resort Hotel di Estepona (Costa del Sol) dove si trovava in vacanza. “We are aware of the death of a British national in Estepona. We stand ready to offer consular assistance”. Irlandese di Belfast (dove nasce il 4 aprile 1952) a 16 anni già fa parte degli Skid Row iniziando poi la carriera solista (in totale 15 album a suo nome), prima di scrivere la storia insieme ai Thin Lizzy di Phil Lynott, che raggiunge nel 1973 entrando al posto di Eric Bell. Brian Downey proprio dei Lizzy lo ricorda così: “Great player and great guy. I am in total shock. He will always be in my thoughts and prayers and I just can’t believe he is gone”. Da ricordare altre importanti collaborazioni con i Colosseum II, come BBM (insieme a Ginger Baker e Jack Bruce), a nome Scars (progetto con un membro dei Primal Scream e uno degli Skunk Anansie), oltre alle joint venture al fianco dei grandi del blues americano. Addio.

Despite one report that he choked on his vomit, official reports from Spain, where the iconic guitarist died on February 6, now suggest Moore probably died from a heart attack.
A police spokesman commented:
“Mr Moore died of natural causes and his death is not in any way suspicious…”

ET

Moore & Lynott – Parisienne Walkways

Thin Lizzy 1978

Gary Moore Live

2 COMMENTS

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here