Föllakzoid @ Init [Roma, 22/Maggio/2014]

691

La Sacred Bones Records è garanzia di qualità, basta dare un’occhiata all’impressionante numero di ottime proposte licenziato negli ultimi anni, da The Men a Pop 1280, da Lust For Youth a Zola Jesus passando per i Destruction Unit, una costante di musica incendiaria. In mezzo a un catalogo così gustoso e variegato, un quartetto di scombinati cileni ci sta benissimo, con quel nome intrippante e assurdo e una proposta musicale che travalica le Ande per sferzare teutonici crauti in mezzo a qualche deserto americano. I Föllakzoid (scritto con tanto di umlaut) sono così, quattro ragazzi di Santiago con il credo ben piantato in testa di sfruttare qualche forza gravitazionale di cui solo loro sarebbero a conoscenza per lanciare un ponte tra il Sud America e altri tempi, spazi e dimensioni. Tanto abituati in questo “dialogo” forse da ritrovarsi un po’ in difficoltà quando si tratta di interagire verbalmente con il pubblico dal palco, oltre alcune solite frasi di rito, e per niente appariscenti nelle loro mise con t-shirt, cappelli e barbe tranne quel chitarrista dai pantaloni a sigaro e sosia reale di Secco Jones dei Simpson, berretto incluso.

Poi, però, partono che è una meraviglia e in quel viaggio ti ci ritrovi anche tu, del Sud America senti l’alone mistico e senza neanche l’ausilio del peyote caro a Carlos Castañeda – che poi qualcuno tra i presenti abbia deciso di allargare ulteriormente le proprie porte della percezione, basta un’annusata all’aria fumosa della sala dell’Init per capirlo. Chiuder gli occhi è sufficiente, dondolare a ritmo regolare e osservato quasi religiosamente e ritrovarsi bersaglio di loop sovrapposti senza soluzione di continuità, con l’abbrivo del synth che catapulta in una dimensione space rock, una manna per devoti di Neu! e Kraftwerk attualizzata in modo non distante dagli ultimi lavori di Maserati e Holy Fuck. Di questi ultimi, emerge vigoroso dal vivo, laddove era ben più nascosto sul comunque monolitico album ‘II’ del 2013, l’andamento marziale e granitico delle ritmiche al punto da tracimare in un ambito quasi electro ma con la robustezza e la polvere dei Melvins, un caleidoscopio massiccio, anestetizzante e psichedelico reso totale nella lunga cavalcata in crescendo di ‘Pulsar’, summa massima del trip vaticinato dai quattro. Sì, che viaggio questi Föllakzoid.

Piero Apruzzese

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here